Domani verranno annunciate le nomination agli Oscar 2020, che verranno assegnati il 9 Febbraio

La corsa agli Oscar domani entra nel vivo quando nella mattina di Los Angeles (primo pomeriggio in Italia) l'Academy annuncerà le candidature per i 24 premi in palio il 9 Febbraio. The Irishman e Marriage story di Netflix, Once Upon a Time in Hollywood, Joker e Parasite sono i film favoriti

A Hollywood potrebbe essere l’anno di C’era una volta…a Hollywood. Ma anche la rivincita di The Irishman di Martin Scorsese per Netflix snobbato ai Golden Globes, o la vendetta del Joker dopo le polemiche seguite all’uscita del film di Todd Phillips ispirato da DC Comics e premiato a Venezia. La corsa agli Oscar domani entra nel vivo quando nella mattina di Los Angeles (primo pomeriggio in Italia) l’Academy annuncerà le candidature per i 24 premi in palio il 9 Febbraio.

Molti i concorrenti con pedigree, ma manca quest’anno un chiaro frontrunner. Parasite di Bong Joon Ho potrebbe fare storia non solo come il primo film sudcoreano candidato al miglior film straniero, ma anche come miglior film. Gli omaggi alla diversità, nei pronostici della vigilia, si fanno peraltro desiderare: in un anno in cui donne registe hanno sfornato film eccellenti, la categoria del miglior regista sarà probabilmente una cinquina tutta maschile (Pedro Almodovar per Pain and Glory, Bong Joon Ho, Sam Mendes per 1917, Scorsese e Tarantino) mentre, dopo che a Londra le venti nomination dei Bafta sono andati a attori bianchi, anche la rosa degli Oscar sarà probabilmente altrettanto monocromatica.

Fino a dieci candidature sono a disposizione nella categoria miglior film: oltre a The Irishman e Marriage story di Netflix, Once Upon a Time in Hollywood, Joker e Parasite, i papabili includono 1917 (che a sorpresa ha vinto il Golden Globe), Jojo Rabbit, Little Women, Ford vs Ferrari e Knives Out, tutti vincitori di candidature della Pga, l’associazione dei produttori. Ad indebolire i film Netflix, in questa e altre categorie, è l’opinione di molti giurati, Steven Spielberg in testa, secondo cui il colosso dello streaming non dovrebbe partecipare agli Oscar dopo aver fatto fare una tappa di pochi giorni soltanto nelle sale alle sue produzioni che includono, tra le papabili, anche I due Papi e Dolemite is My Name.

Quasi tutta bianca la cinquina delle migliori attrici, secondo i pronostici della vigilia: la rosa potrebbe includere Renée Zellweger (Judy Garland in Judy), Saoirse Ronan (Jo di Piccole Donne), Charlize Theron (Bombshell) e Scarlett Joahnnson (Marriage Story), con Awkwafina (Golden Globe per The Farewell), Cynthia Erivo (Harriet), Lupita Nyong’o (Us), Alfre Woodard (Clemency) a contendersi la quinta candidatura.

Nel ruolo del migliore attore dovrebbero entrare in finale Adam Driver (“Marriage Story”) in competizione con Leonardo DiCaprio (“C’era una volta a… Hollywood”), Taron Egerton (“Rocketman”), Antonio Banderas (“Pain and Glory”) e Joaquim Phoenix (“Joker”). In forse Robert De Niro dopo esser stato snobbato oltre che dai Globes, dalle nominations dei SAG), ma la sua potrebbe essere la sorpresa di lunedì.

Utlima modifica: 12 Gennaio, 2020



Condividi