Martin Scorsese: “Forse The Irishman è il mio ultimo film”

"So che sono alla fine di una lunga, lunga corsa. Non so quanti film potrò ancora girare. Forse questo sarà l'ultimo", ha detto Martin Scorsese al quotidiano britannico che ha incoronato The Irishman la miglior opera di cinema del 2019

The Irishman, una rivoluzione nel mondo di fare e vedere cinema, potrebbe anche essere l’ultimo film di Martin Scorsese. Lo ha confidato al Guardian il regista americano, reduce dall’aver raccontato per Netflix la saga della scomparsa del sindacalista Jimmy Hoffa: “So che sono alla fine di una lunga, lunga corsa…Non so quanti film potrò ancora girare. Forse questo sarà l’ultimo“, ha detto Scorsese al quotidiano britannico che ha incoronato The Irishman la miglior opera di cinema del 2019.

Non è solo una questione di anni, anche se gli anni contano: “Siamo tutti alla fine delle nostre vite“, ha detto il 77enne Scorsese, riferendosi anche alle sue star, Robert De Niro, Joe Pesci e Al Pacino, e osservando che alla sua età “il tempo ha il massimo del suo valore“. Il vero problema, e qui Scorsese è tornato su una polemica lanciata in Ottobre, è che “le sale cinematografiche sono ostaggio dei film dei supereroi” e “non c’è spazio per nessun altro tipo di film“. Martin ha aggiunto che “se questo avrebbe dovuto essere il mio ultimo film, l’idea era almeno di girarlo e poi farlo vedere per un giorno al National Film Theatre di Londra, un altro giorno alla Cinematheque a Parigi. Non sto scherzando“.

Poi però è arrivato Netflix. “Quando ho accettato di andare con Netflix, ho capito quel che avrebbe comportato. Ma a quel punto dovevamo fare il film e ci servivano i finanziamenti“. In cambio della distribuzione limitata nelle sale, Scorsese ha avuto dal servizio in streaming carta bianca creativa: “abbiamo abbracciato questo nuovo mondo di vedere film” e “siamo stati in grado di sperimentare di più in fatto di stile narrativo, stile visivo, lunghezza“, ha spiegato il regista al Guardian, parlando di “una rivoluzione” perché non c’è più un unico luogo dove il suo film sarà visto dagli spettatori.

Sono cresciuto in un’epoca dove c’era un unico luogo per vedere un film. Poi sono arrivati i piccoli schermi televisivi, ed è stato lì che ho visto classici come i primi David Lean, Il Terzo Uomo o Citizen Kane“: un po’ come oggi con i servizi in streaming. Quanto a The Irishman, in pole position tra i candidati agli Oscar dopo aver conquistato cinque candidature per i Golden Globes, Scorsese ha detto di aver seguito i suoi istinti “in termine di stile e di lunghezza” e questo ancor prima che arrivassero gli effetti speciali della CGI che hanno ringiovanito i protagonisti. “Sono l’evoluzione del make up“: anche quello “straordinariamente sperimentale”.

Utlima modifica: 21 Dicembre, 2019



Condividi