Pino, vita accidentale di un anarchico, il documentario su Pino Pinelli a 50 anni dalla sua morte su laF

Pino vita accidentale di un anarchico

Sabato 14 dicembre 2019 alle 21.00 in prima tv su laF (Sky 135)

 “PINO, VITA ACCIDENTALE DI UN ANARCHICO”

 A 50 anni dalla morte, un documentario per raccontare la vita
di Giuseppe Pinelli, “la 18a vittima della strage di piazza Fontana”,
attraverso lo sguardo delle figlie Claudia e Silvia

 

A 50 anni dalla morte, la storia di Giuseppe Pinelli viene raccontata in modo inedito dalle figlie Claudia e Silvia attraverso un documentario animato: “Pino, vita accidentale di un anarchico”, con la regia di Claudia Cipriani, in onda in prima tv assoluta su laF (Sky 135) sabato 14 dicembre 2019 alle ore 21.00.

Era la notte tra il 15 e il 16 dicembre 1969 quando il ferroviere, anarchico e partigiano Giuseppe Pinelli, detto “Pino”, moriva a 41 anni precipitando da una finestra della questura di Milano, dove era trattenuto per accertamenti dopo l’esplosione della bomba alla Banca Nazionale dell’Agricoltura di Milano: ora il documentario va alla scoperta dell’uomo, del marito e del padre, con le sue idee, le sue passioni, i suoi affetti, attraverso il racconto delle figlie, partendo proprio da quel fatidico 1969, quando avevano 8 e 9 anni, e arrivando fino al 2009, quando il Presidente Giorgio Napolitano lo definì “la diciottesima vittima della strage di Piazza Fontana”.

Per noi – dichiara la regista Claudia Ciprianiera importante raccontare questa storia da una prospettiva che facilitasse la comprensione del contesto storico e al contempo creasse empatia e suscitasse emozione”. L’obiettivo dell’opera è infatti entrare gradualmente in una storia complessa e intricata, per quanto già conosciuta e raccontata in molte testimonianze, libri e opere teatrali, fra qui quella celebre di Dario Fo, “Morte accidentale di un anarchico”: man mano che le due bambine crescono, aumenta anche il loro livello di consapevolezza, s’infittisce il quadro delle informazioni, si articola il discorso politico e il contesto storico: le contestazioni a cavallo tra gli anni ’60 e ’70, la “strategia della tensione”, l’Europa divisa in due blocchi. Elementi essenziali per comprendere come una storia apparentemente piccola sia diventata parte della Storia del Paese.

Pino, vita accidentale di un anarchico”, realizzato e scritto da Claudia Cipriani e Niccolò Volpati, è insieme un film d’animazione e un documentario con fotografie e filmati d’epoca, pensato soprattutto per un pubblico giovane o che non conosce nei dettagli le vicende narrate.

“Pino, vita accidentale di un anarchico, regia di Claudia Cipriani (ITA, 2019, 55’), va in onda su laF (Sky 135) sabato 14 dicembre 2019 alle 21.00 in prima tv e sarà successivamente proiettato domenica 15 dicembre, alle ore 16.00, presso Palazzo Marino, all’interno del programma MILANO E’ MEMORIA, e lunedì 16 dicembre, ore 21.00, presso Arci Bellezza in via Bellezza 16/a, evento con sostegno alla campagna su Produzioni Dal Basso.

CREDITS
Regia: Claudia Cipriani
Autori: Claudia Cipriani, Claudia e Silvia Pinelli, Niccolò Volpati
Ricerca storica: Niccolò Volpati
Fotografia e Montaggio: Claudia Cipriani
Voci narranti: Olimpia Lanzo e Alessandra Pasi
Illustrazioni: Luca Magnante
Musiche originali: Massimo Latronico e Dario Yassa
Post produzione audio: Massimo Parretti
Foto: Uliano Lucas
Registrazione voice over: Gianluca Mancini
Interpreti principali: Roberta Lombardi, Tommaso Russi, Mara Grazioli, Alida Volpati
Produzione Ghiro Film con la collaborazione dell’Archivio Giuseppe Pinelli – Ateneo Libertario
Progetto sostenuto da Comune di Milano (Milano è memoria – Gabinetto del Sindaco), Arci Bellezza, Coop. soc. I talenti.

Utlima modifica: 13 Dicembre, 2019



Condividi