Connect with us

EVENTI

Cinemazero in collaborazione con pnbox presenta Halloween Night

Cinemazero, in collaborazione con pnbox, organizza domenica 31 ottobre una nottata dedicata all’orrore. La serata inizia ai pnbox Studios con una cena in stile Halloween accompagnata dalla proiezione dei trailer anni ’50 che hanno fatto la storia del cinema horror. La serata si concluderà con la proiezione del film Maschera del Demonio, capolavoro indiscusso del cinema horror a firma del grande Mario Bava.

Publicato

il

Maschera_demonio

Cinemazero, in collaborazione con pnbox, organizza domenica 31 ottobre una nottata dedicata all’orrore. La serata inizia ai pnbox Studios (via Vittorio Veneto, 23 – Pordenone) con una cena in stile Halloween accompagnata dalla proiezione dei trailer anni ’50 che hanno fatto la storia del cinema horror.

Nel corso della serata, Silvia Moras, dello staff di Cinemazero, ci regalerà un excursus nella storia del cinema horror, dalla nascita ai giorni nostri, passando per i grandi omaggi che i registi contemporanei hanno fatto ai maestri delle origini.

La serata si concluderà poi, a mezzanotte, con la proiezione del film Maschera del Demonio, capolavoro indiscusso del cinema horror a firma del grande Mario Bava.

La pellicola, un vero e proprio cult che tanto ha influenzato il cinema horror italiano degli anni successivi, viene recensita da Paolo Mereghetti come “(…) un film dove il desiderio è l’altra faccia della paura. Il talento di Bava sta nel raccontare questa storia con uno stile sontuoso ed innovativo. Gli effetti speciali per l’epoca davvero scioccanti sono necessari tanto quanto i prodigiosi carrelli della macchina da presa. Anziché essere uno sterile esercizio formalista, sono lo strumento con cui noi spettatori entriamo in un mondo fatato e inquietante: tanto affascinante quanto pericoloso” (Bianco e nero all’italiana).

Mentre Morando Morandini così ne scrive: “Vagamente ispirato al racconto Il vij dell’ucraino Nikolaj V. Gogol, è l’esordio nella regia di M. Bava (1914-80), grande direttore della fotografia e geniale mago di trucchi, che qui, appoggiandosi a un suggestivo apparato scenografico, esaltato da una fotografia virtuosistica che determina l’atmosfera, gli spazi, le emozioni, si cimenta in un esercizio di delirante necrofilia, imperniata sul “tema della sessualità femminile … torna a sfidare l’ordine e la repressione” (Renato Venturelli). Grande successo internazionale, il film contribuì al lancio di B. Steele.” (Il Morandini).

Insomma una serata da non perdere per tutti gli amanti del cinema e…dell’orrore!