Secondo Piano Scala B, il progetto interattivo che unisce nella fiction i diversi media

Il progetto interattivo unisce nella fiction i diversi media (TV, cinema e web), riproponendo i contenuti e le forme comunicative della televisione e del cinema in convergenza e coesistenza con i nuovi modelli di Internet, adatti a un pubblico sempre più abituato all'interazione e desideroso di partecipare attivamente

Il film Secondo Piano Scala B è il pilota della serie TV dall’omonimo titolo. Nel film che precede la serie le cinque donne – Marta, Alima, Iva, Luisa e Serena – aprono una pagina Facebook per raccontare la straordinaria avventura che è capitata loro e che le ha fatte incontrare. Oltre a testimoniare agli altri la loro esperienza, queste donne vogliono formare una squadra che crede nel valore di essere un gruppo e nel dialogo con le persone.

La serie si basa sul dialogo virtuale tra la community dei social e gli autori del progetto. La prima richiesta agli utenti del web è stata: come immaginate che siano queste cinque donne? Su quale tema vorreste vederle impegnate? Quale problema vorreste far risolvere loro? Molti argomenti e spunti dei post e delle interviste ricevute sui social sono stati inseriti nei primi episodi seriali della fiction.

Il target a cui si rivolgono il film e la serie è trasversale, senza limiti di età e prevede una facile identificazione nei personaggi. Le cinque protagoniste sono diverse per nazionalità, età e estrazione sociale, ma uguali nell’essere persone molto semplici e generose. Tra loro è nata un’amicizia che, nel rispetto delle differenze, le unisce e le stimola a ritrovarsi per aiutare gli altri. Lo faranno come possono, essendo gli episodi della serie di matrice comica, ma sempre con determinazione e… un po’ di fortuna.

Struttura del progetto

La prima stagione della serie è un ciclo di 10 puntate adatto alla programmazione di prima serata. Ogni puntata, della durata di 50’, prevede un plot verticale con due storie – la principale selezionata tra le proposte del web e la seconda di pura invenzione – e un arco narrativo orizzontale che prosegue lungo tutte le puntate.

Qualche volta le nostre cinque eroine non riescono a risolvere i “casi” che avevano selezionato, trovandosi invece coinvolte in situazioni impreviste, ma in un modo o in un altro finiscono per cavarsela, anche se non sempre c’è un lieto fine.

Nell’arco narrativo orizzontale si svolge il racconto delle vite personali delle cinque protagoniste, le quali, come capita in ogni gruppo di amici, si innamorano, si ammalano, litigano tra loro e fanno pace. La serie viene sempre più definita a mano a mano che arrivano i contributi del web.

Le protagoniste della serie sono:

Marta, una benestante signora di circa 70 anni, che ha riscoperto la voglia di vivere e di andare oltre le costrizioni che l’età e il contesto familiare sembravano imporle.

Alima, una bellissima ragazza straniera di circa trent’anni, che ha coraggiosamente deciso di portare avanti una gravidanza nonostante le difficoltà generate dalla sua condizione di immigrata e dalla sua professione.

Iva, una infermiera ventenne piena di grinta, che nonostante la giovane età, è riuscita a far valere i suoi diritti e a reagire allo spietato mobbing e allo stalking subiti sul lavoro.

Luisa, una tenera e scombinata quarantenne che, nonostante la timidezza e la goffaggine, ha superato la paura e ha affrontato dei pericolosi criminali.

Serena, una professoressa in pensione, costretta sulla sedia a rotelle da un incidente d’auto che, piena di voglia di affermarsi, ha consolidato il team e messo la sua conoscenza dei social network a disposizione della squadra.

Le cinque eroine hanno un ruolo paritetico nell’ambito della struttura narrativa. Ognuna di loro, grazie alle caratteristiche personali, svolge una funzione precisa che la valorizza all’interno delle singole puntate. La rete, come mezzo comunicativo privilegiato del progetto, fa sì che l’interazione tra le persone coinvolte possa svilupparsi anche a livello internazionale.

Il progetto interattivo unisce nella fiction i diversi media (TV, cinema e web), riproponendo i contenuti e le forme comunicative della televisione e del cinema in convergenza e coesistenza con i nuovi modelli di Internet, adatti a un pubblico sempre più abituato all’interazione e desideroso di partecipare attivamente.

Utlima modifica: 4 Novembre, 2019



Condividi