Stasera in tv su Iris alle 21 The Prestige di Christopher Nolan, con Hugh Jackman, Christian Bale, Michael Caine, Scarlett Johansson e David Bowie

Opera ambiziosa e appassionante, romanzo fantastico contaminato dalle regole del thriller, The Prestige è la parabola amara di un’ossessione. Nolan ci parla dell’illusione, dell’inganno, del confine tra la scienza e la magia, ed è coerente nello sviluppare le sue tematiche peculiari anche all’interno di un favoloso spettacolone hollywoodiano

  • Anno: 2006
  • Durata: 128'
  • Genere: Fantasy
  • Nazionalita: USA, Gran Bretagna
  • Regia: Christopher Nolan

Stasera in tv su Iris alle 21 The Prestige, un film del 2006 diretto da Christopher Nolan, tratto dall’omonimo romanzo di Christopher Priest, con Hugh Jackman, Christian Bale, Michael Caine, Scarlett Johansson e David Bowie. Presentato nella sezione Première della Festa del Cinema di Roma 2006, è uscito nelle sale italiane il 22 dicembre 2006. Il film è stato accolto favorevolmente da critica e pubblico incassando nel primo fine settimana 15 milioni di dollari. Nel complesso il film ha incassato 110 milioni, di cui 53 negli Stati Uniti. La colonna sonora del film intitolata The Prestige: Original Score è stata affidata al musicista britannico David Julyan che ha collaborato con Christopher Nolan nelle colonne sonore di Memento (2000) e Insomnia (2002). Christopher Nolan impiegò 18 mesi per individuare la modalità per raccontare la storia, decidendo infine di suddividere la sceneggiatura e la regia in tre atti che sono i tre elementi principali dell’illusione nel film: la promessa, la svolta e il prestigio. Il processo di scrittura della sceneggiatura è stata una lunga collaborazione dei fratelli Nolan e ha richiesto un periodo di cinque anni. Nello scritto, viene sottolineata la storia della magia attraverso la narrazione drammatica dei vari personaggi, minimizzando la rappresentazione visiva della magia sul palcoscenico. La linea narrativa del romanzo è strutturata attraverso le pagine dei diari dei due protagonisti, cosa che ha creato qualche difficoltà nell’adattamento cinematografico. Per rendere il carattere dei protagonisti, Jonathan Nolan ha frequentato illusionisti professionisti dietro le quinte dei loro spettacoli.

Sinossi
Londra, inizio 900: Robert Angier e Alfred Borden, due celebri maghi, si conoscono da quando erano prestigiatori in erba, avendo avuto lo stesso maestro. Con il passare del tempo, sono diventati acerrimi nemici che cercano di rubarsi i rispettivi segreti.

«Il regista, ancora più che il romanziere è molto simile ad un mago nel modo in cui scegliamo di rivelare le informazioni, cosa dire al pubblico e quando il punto di vista in cui trasciniamo la platea. Usiamo queste tecniche per ingannare il pubblico, per trascinarlo in vari vicoli ciechi e false piste e via dicendo, e infine speriamo a una conclusione narrativa soddisfacente.» (Christopher Nolan)

Con questo thriller psicologico dai risvolti fantascientifici, ambientato nella Londra industriale di fine anni ‘800, Christopher Nolan dirige l’opera che, assieme anche all’ottimo Memento, risulterà la summa insuperata del suo cinema e della sua poetica, dove la trama intricata, e in particolare il conflitto sempre più intimo e spietato tra i due illusionisti protagonisti, interpretati da Hugh Jackman e Christian Bale, arriva a porre interessanti domande sul dualismo, la natura umana e le inquietanti conseguenze dell’edonismo. Da non dimenticare, inoltre, l’uso di una delle migliori narrazioni a frammento degli ultimi anni, curata dal fratello Jonathan NolanThe Prestige, quinto film di Christopher Nolan, nasce da un lungo lavoro di sceneggiatura (durato 5 anni) intrapreso dal regista e dal fratello. Opera ambiziosa e appassionante, romanzo fantastico contaminato dalle regole del thriller, The Prestige è la parabola amara di un’ossessione. Nolan ci parla dell’illusione, dell’inganno, del confine tra la scienza e la magia, ed è coerente nello sviluppare le sue tematiche peculiari anche all’interno di un favoloso spettacolone hollywoodiano. Esaminando, a posteriori, tutta la sua produzione, non si può non notare la perseveranza nel portare avanti la personale idea di cinema, ossessioni comprese. Nolan firma il suo film più bello, di indubbia efficacia spettacolare, con un sorprendente crescendo di crudeltà e un nichilismo di fondo che proprio nell’ultimissima inquadratura lascia attoniti. Un grande tour de force di “fantascienza”, un ricordo del cinema di trenta o quarant’anni fa, ma ancora assai attuale. Uno dei blockbuster più intelligenti degli ultimi anni.

GUARDA IL TRAILER >>

Utlima modifica: 12 giugno, 2019



Condividi