Globi d’Oro 2019: si contendono il premio per la regia Bellocchio, Garrone e Rohrwacher

In gara per la migliore regia: Marco Bellocchio (Il Traditore), Matteo Garrone (Dogman) e Alice Rohrwacher (Lazzaro Felice)

Sarà un’edizione dei Globi d’Oro, la 59/a, “nel segno dell’innovazione e 2.0“, come l’ha definita Claudio Lavanga, co-responsabile del comitato di giuria insieme ad Alina Trabattoni nel presentare i candidati. I premi della Stampa Estera si terranno a Roma il 19 giugno a Villa Wolkonsky, residenza dell’ambasciatrice britannica. Il Gran Premio della Stampa Estera, un nuovo riconoscimento, verrà assegnato al maestro Ezio Bosso. Il Premio alla Carriera andrà poi a Franco Nero e Vanessa Redgrave. Infine, Giovane Promessa è Ludovica Nasti, protagonista della serie televisiva L’Amica geniale tratta dai bestseller di Elena Ferrante. In gara per la migliore regia: Marco Bellocchio (Il Traditore), Matteo Garrone (Dogman) e Alice Rohrwacher (Lazzaro Felice). Come candidati per la migliore opera prima il comitato della giuria ha selezionato: Bangla, Il Campione e La Terra dell’Abbastanza.

Utlima modifica: 4 giugno, 2019



Condividi