Al via il crowdfunding per pubblicare la versione integrale e in alta definizione de La grande abbuffata di Ferreri

DOPO “DILLINGER È MORTO”

UNA NUOVA START UP! DEDICATA AL CINEMA DI MARCO FERRERI

LA GRANDE ABBUFFATA – VERSIONE INTEGRALE

al via il crowdfunding per il Blu Ray Limited Edition con saggio inedito

www.cgentertainment.it

 

Dopo la START UP! che ha permesso di pubblicare per la prima volta in Italia il Blu Ray di “Dillinger è morto”, CG Entertainment è orgogliosa di poter proseguire nel lavoro di riscoperta del cinema di Marco Ferreri: grazie a General Video, CG ha lanciato una campagna di crowdfunding per pubblicare in Blu Ray “La grande abbuffata” in versione integrale HD.

La grande abbuffata” in versione integraleLimited Edition Blu Ray sarà così composta:

Blu-ray del film nella versione uncut HD
Booklet con saggio di approfondimento inedito
Artwork originale per la Slipcase esterna di cartone
Artwork Amaray interno personalizzato da una vignetta d’epoca
Numerazione della copia limitata (500copie)
Il nome di tutti i partecipanti all’operazione riprodotto all’interno della confezione

Per partecipare la crowdfunding START UP! sono necessari 300 pre-acquisti entro il 14 giugno a questo indirizzo:
https://www.cgentertainment.it/film-dvd/la-grande-abbuffata/f31096/

IL FILM In una villa fuori Parigi quattro vecchi amici si riuniscono per un week-end abbandonandosi ad un’orgia di cibo e sesso. Uno di loro, Marcello, porta con sé alcune prostitute che disgustate dall’ambiente se ne andranno. Ad un certo punto una maestra va lì per caso con in suoi alunni in visita al giardino della villa, rimane affascinata dai quattro e decide di fare ritorno unendosi a loro nel folle e autodistruttivo fine settimana…

Regia: Marco Ferreri. Cast Marcello Mastroianni, Ugo Tognazzi, Michel Piccoli, Philippe Noiret, Andrèa Ferrèol.Italia, Francai 1973
Cannes Film Festival 1973: Premio FIPRESCI

“Corpi colti in una sintesi di gesti abitudinari e quotidiani che nel momento in cui li caratterizzano li tolgono per sempre alla nostra comprensione, fissandoli nella ontologicità allucinatoria dell’esistenza corporea.” (Pier Paolo Pasolini)

Utlima modifica: 17 maggio, 2019



Condividi