Stasera in tv su Rai Storia alle 21,10 The Master di Paul Thomas Anderson, con Joaquin Phoenix e Philip Seymour Hoffman

The Master di Paul Thomas Anderson, premiato a Venezia con il Leone d'Argento alla regia e la Coppa Volpi a Joaquin Phoenix e Philip Seymour Hoffman, non è un film biografico sul fondatore di Scientology quanto, piuttosto, un'analisi della dialettica servo-padrone e un discorso su una certa idea di "americanità"

  • Anno: 2012
  • Durata: 137'
  • Distribuzione: Lucky Red
  • Genere: Drammatico
  • Nazionalita: USA
  • Regia: Paul Thomas Anderson

Stasera in tv su Rai Storia alle 21,10 The Master, un film del 2012 scritto e diretto da Paul Thomas Anderson. Protagonisti sono Joaquin Phoenix, Philip Seymour Hoffman e Amy Adams. La trama del film è stata parzialmente ispirata dal personaggio di Lafayette Ron Hubbard, fondatore di Scientology, ma anche da scene inutilizzate della prima stesura de Il petroliere, da storie che l’attore Jason Robards aveva raccontato ad Anderson riguardo ai suoi giorni in marina durante la guerra, e dalla vita di John Steinbeck. Jonny Greenwood dei Radiohead è il compositore della colonna sonora per la seconda volta in un film di Paul Thomas Anderson dopo Il petroliere. L’esecuzione è affidata alla London Contemporary Orchestra. Il film è stato inoltre presentato alla 69ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, raccogliendo un buon consenso di pubblico e critica, e vincendo il Leone d’argento per la regia e la Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile, andata a Phoenix e Hoffman.

Sinossi
Anni Cinquanta. Freddie Quell (Joaquin Phoenix) vive sulla propria pelle le conseguenze del secondo conflitto mondiale, vagabondando per le strade senza alcuna certezza o valori in cui credere. Nel suo errare, si imbatte un giorno in Lancaster Dodd (Philip Seymour Hoffman), un veterano di guerra fondatore e leader carismatico di un gruppo pseudo-religioso basato su metodi piuttosto innovativi. Ammaliato da quell’universo che sembra offrire risposte alle sue domande, Freddie ne diventa uno degli adepti subendo il fascino della figura di Lancaster, divenuto per lui uno spirito guida da ossequiare e seguire.

La recensione di Taxi Drivers (Carlo Cerofolini)

Il prestigio di un regista non si misura solamente dalle reazioni suscitate dalla visione dei suoi film ma anche dall’interesse con cui la comunità cinefila ne segue le varie ipotesi progettuali. In questo, l’attenzione spasmodica provocato dalla notizia di un nuovo film firmato Paul Thomas AndersonThe Master, incentrato sulla figura di Ron Hubbard, il fondatore di Scientology, varrebbe da sola ad inserire il suo regista nell’Olimpo degli autori. Nella fattispecie è certo che almeno negli Stati Uniti a infiammare gli animi abbia contribuito la scelta di un soggetto controverso e duramente criticato per i metodi di organizzazione interna e di proselitismo. Sarà stata la scoperta di una sostanziale mancanza di riferimenti e aneddoti collegati a quel movimento e al suo ideatore ad aver raffreddato l’entusiasmo nei confronti del film, sottovalutando in qualche modo il lavoro di un regista come Anderson, poco interessato a realizzare la “cinebiografia” del personaggio ma, piuttosto, intenzionato a utilizzarne il ritorno carismatico e il periodo storico che lo riguarda per allargare il discorso a una certa idea di americanità. Hubbard nella persona di Lancaster Dodd (Philipp Seymour Hoffmann) non è solo il sacerdote di un nuovo credo, quanto il portavoce del verbo che mette ordine al caos in un paese che ha appena perso la sua giovinezza nel corso di una guerra di cui ancora non capisce il senso.

Ma non solo, perché gli anni ’50 del film segnano la cesura con un certo tipo di mentalità vittoriana costretta, di lì a poco, a fare i conti con la propria ipocrisia. In questo senso The Master attraverso il rapporto tra Dodd e Freddie Quell, il reduce di cui il primo si occupa e forse si invaghisce, si può considerare un film sulla repressione, morale, sessuale, sociale di una comunità. A esserne schiavo, in una maniera che è paradossale rispetto alle sue credenziali, è innanzitutto Dodd, generalmente compassato e padrone della situazione ma in realtà irascibile ed isterico quando viene messo alle strette con domande e osservazioni che potrebbero metterne in dubbio leadership e dogma; lo è la figlia, appena sposata, ma incapace di tenere a freno l’attrazione per il nuovo arrivato, e anche la moglie, pronta a nascondere ogni cosa, anche le possibili mancanze del marito, pur di vederne salva la reputazione agli occhi della comunità. A dimostrarlo, poi, sono due sequenze fondamentali che arrivano a metà film, una dietro l’altra: la prima è una sorta di allucinazione, in cui Freddie, depresso dagli esercizi del mentore che tenta invano di fiaccarne la ferinità, trasforma la festa da ballo a cui assiste senza partecipare in un vero e proprio baccanale, immaginando donne nude che accompagnano danzanti l’esibizione di Dodd; la seconda, differente nel contesto – intimo anzichè pubblico -,  ma simile nell’allusione a una sessualità rimossa e quindi deviata, ci mostra i due coniugi coinvolti in un erotismo sofferto, con la moglie “madre” che aiuta Dodd a masturbarsi davanti allo specchio.

Anderson traduce i contenuti del film in un lungo faccia a faccia tra discepolo e maestro, dapprima storicizzandolo all’interno di un’epoca resa da un impianto visivo prelevato, tra gli altri, da Rockwell e Hopper, successivamente ponendolo al di fuori di qualsiasi contesto per farlo assurgere a simbolo di uno incontro-scontro tra uomo e natura, la sua e quella del creato, tra ragioni imposte e impulsi primordiali, tra verità e finzione. Un film immenso, quindi, forse troppo, che alla fine rimane vittima di un gigantismo che inizia e finisce nella centralità dei personaggi e nella mostruosa bravura dei due interpreti, anteposti non solo dalle esigenze di sceneggiatura ma anche dalla rispettive impostazioni: sofferta, istintiva, a nervi scoperti quella di Joaquin Phoenix (Freddie), equilibrata, dominante, ambiguamente sottile quella di Hoffmann, capace di lasciare in bilico il giudizio su un demiurgo che sta a metà strada tra inferno e paradiso. Sono loro a mangiarsi un film che nel mezzo del suo cammino sembra quasi fermarsi a guardare i protagonisti più che raccontarli, da una parte mettendo in scena la rappresentazione di una mancata seduzione, perché alla fine Freddie torna sui suoi passi, rinunciando alla cura della sua patologia (depressione, pazzia, oppure lucida follia); dall’altra alimentando incertezza sulla plausibilità di quanto aveva precedentemente asserito, attraverso la ripetizione ossessiva e finanche ridicola delle pratiche a cui o stesso Freddie viene sottoposto da parte di Dodd. Così facendo, il film, pur mantenendo inalterato il gradiente di fascino e di mistero, diventa inconsistente sul piano dei contenuti. In un livello generale che si mantiene comunque elevato ancora una volta il cinema di Anderson si fa amare soprattutto per la sua messinscena. In questo caso, oltre alla direzione degli attori c’è la capacità di lavorare sull’immagine per rendere la dimensione psicologica in cui si gioca la vicenda. Anderson la richiama facendo ricorso a elementi psicanalitici, come la presenza continua dell’acqua del mare su cui la regia stacca a conclusione di sequenze di massima tensione (per legittimare, forse, l’avvenuto scioglimento della stessa) o del sogno, presente in tutti gli snodi del film e nella sua conclusione; oppure ambientando la storia principalmente in non-luoghi (un grande magazzino, alberghi, il deserto, un cinema) che scorporano gli avvenimenti dalla loro contingenza rendendoli astratti e difficilmente collocabili; e ancora corredando il tutto con una colonna sonora paranoica, scandita da un ritmo sincopato e disturbante. Un lavoro eccellente che avrebbe avuto bisogno di maggiore concretezza per diventare quel capolavoro che The Master ha solo sfiorato.

GUARDA IL TRAILER >>

Utlima modifica: 31 marzo, 2019



Condividi