La Fuga di Sandra Vannucchi, con Donatella Finocchiaro e Filippo Nigro, al Nuovo Cinema Aquila di Roma dal 7 Marzo

“La Fuga”, un film di Sandra Vannucchi con Donatella Finocchiaro e Filippo Nigro

dal 7 marzo al Nuovo Cinema Aquila di Roma
Sabato 9 marzoore 21:30, la regista Vannucchi, il produttore Michael King e l’attore Filippo Nigro incontreranno il pubblico in sala

“La Fuga”, opera prima della regista Sandra Vannucchi, candidata all’Efa Young Audience Award 2018, arriva nelle sale dal 7 marzo distribuito da Lo Scrittoio.

Roma la pellicola sarà in programma al Nuovo Cinema Aquila (https://www.cinemaaquila.it/), dove sabato 9 marzo si terrà una serata evento alla presenza della regista Sandra Vannucchi, il produttore Michael King e l’attore protagonista Filippo Nigro, che presenteranno il film e incontreranno il pubblico in sala.

Film indipendente, low budget, girato tra la Toscana e Roma, “La Fuga” vede come protagonisti due attori noti al grande pubblico:Donatella Finocchiaro – fresca di Premio FICE 2018 e candidata ai David di Donatello – e Filippo Nigro, che interpretano i genitori della giovane protagonista, l’undicenne Lisa Ruth Andreozzi.

Il film racconta di Silvia, una bambina di undici anni curiosa e vivace, che vive una situazione familiare complessa, segnata dalla depressione cronica della madre e dalle continue incomprensioni e difficoltà di comunicazione con il padre. La malattia della madre rende estremamente fragili gli equilibri nei rapporti tra genitori e figli. Sogni e aspirazioni di questi ultimi, anche molto semplici, restano inascoltati in una quotidianità in cui ciascuno appare concentrato principalmente su se stesso e i propri problemi. Silvia ha il grande desiderio di visitare Roma, ma in famiglia resta sempre inascoltata; capendo che nessuno le permetterà di realizzare il suo sogno decide di scappare, determinata a visitare la città per conto proprio. Durante il viaggio in treno incontra una ragazza rom, Emina, con cui instaura subito un forte legame di amicizia. La fuga di Silvia si rivelerà così capace di innescare un processo di crescita e di trasformazione in Silvia stessa e in tutti coloro che la circondano.

L’opera – ha spiegato la regista – è ispirata da una storia vera; si basa infatti, in parte, sulla mia esperienza personale. Il mio intento era quello di esplorare il modo in cui una bambina interagisce e tenta di rapportarsi con la profonda sofferenza di una persona amata. Volevo mostrare le emozioni, le reazioni psicologiche e la vita immaginaria di una bambina che soffre per quel muro al quale ci si trova di fronte quando una madre soffre di depressione cronica, ma al contempo una storia che lasciasse trapelare la speranza di un futuro migliore e l’amicizia che può nascere tra due ragazzine di culture diverse che si incontrano.

Utlima modifica: 4 marzo, 2019



Condividi

Tags