Stasera in tv su Rai Movie alle 21,10 I segreti di Osage County, un dramma famigliare con una Meryl Streep da Oscar

I segreti di Osage County vanta un cast d’eccellenza: oltre a Meryl Streep, regina della scena in un ruolo complesso e magistralmente interpretato, spicca anche una straordinaria Julia Roberts

  • Anno: 2013
  • Durata: 130'
  • Distribuzione: Bim Distribuzione
  • Genere: Drammatico
  • Nazionalita: USA
  • Regia: John Wells

Stasera in tv su Rai Movie alle 21,10 I segreti di Osage County (August: Osage County), un film del 2013 diretto da John Wells, basato sulla pièce teatrale di Tracy Letts Agosto, foto di famiglia, vincitrice del Premio Pulitzer. L’opera di Letts ha fatto il suo debutto a Broadway nel dicembre 2007, dopo essere stata presentata all’inizio dello stesso anno al leggendario Steppenwolf Theatre di Chicago e prima di riscuotere un successo internazionale sancito anche dalla vittoria di 5 Tony Awards. Con Meryl Streep, Julia Roberts, Ewan McGregor, Julette Lewis, Benedict Cumberbatch, Sam Shepard, Chris Cooper. Per questo film Meryl Streep ha ricevuto la sua diciottesima candidatura agli Oscar.

Sinossi
Beverly Weston (Sam Shepard) e la moglie Violet (Meryl Streep) vivono nella loro casa di Osage County. Poeta con problemi di alcol lui e dipendente dai farmaci per un male alla bocca lei, i due all’apparenza sembrano una coppia tranquilla fino al momento in cui, dopo essere scomparso per qualche giorno, Beverly viene ritrovato morto suicida. Al funerale, oltre alla figlia Ivy (Julianne Nicholson) che vive in casa con i genitori, partecipano anche le figlie Barbara (Julia Roberts) e Karen (Juliette Lewis) così come il resto dei parenti. Nei giorni successivi una serie di conflitti riemergono all’interno della famiglia. Il conflitto tra Barbara e Violet, che non sono mai andate d’accordo, si fa sempre più serrato mentre il fidanzato di Karen (Dermont Mulroney) dimostra la sua vera natura ed Ivy pianifica la fuga d’amore con suo cugino (Benedict Cumberbatch).

La recensione di Taxi Drivers (Sandra Martone)

“So che c’è un’altra dimensione nel film che non poteva esserci nel testo teatrale ed è Osage County. Vorrei portare il regista e la produzione a casa mia e mostrare loro il paesaggio che ha un valore profondo per me come persona che non ha solo scritto un testo ma ha scritto una sceneggiatura che è in qualche misura autobiografica. Il paesaggio stesso diviene un personaggio”: questa era stata la richiesta dello scrittore Tracy Letts quando aveva deciso di portare sul grande schermo la sua opera teatrale August: Osage County, vincitrice del Premio Pulitzer. Richiesta che è evidentemente stata esaudita dal John Wells, che ha girato tutti gli esterni di I segreti di Osage County lì dove Letts voleva, ovvero in quell’Oklaoma arido, caldo e poco accogliente come la maggior parte dei personaggi che fanno parte di questo dramma familiare dove Meryl Streep è protagonista assoluta e per il quale l’attrice ha ricevuto la sua diciottesima candidatura agli Oscar.

Coprodotto, tra gli altri, anche da George Clooney, I segrety di Osage County racconta alcune giornate della famiglia Weston, che si ritrova riunita per il ben poco lieto evento della morte del padre. Beverly era un forte bevitore che un giorno sparisce nel nulla, sua moglie Violet, vittima oltre che della scomparsa del marito anche di un cancro alla lingua, è così costretta a chiamare le sue tre figlie: il forzato incontro di queste donne, tutte provate da un’esistenza che non è andata come doveva, porterà a galla tante verità per anni celate e che mineranno con forza il già fragile equilibrio delle protagoniste.

I segreti di Osage County vanta un cast d’eccellenza che tiene lo spettatore attaccato al grande schermo: oltre la su citata Meryl Streep, regina della scena in un ruolo complesso e magistralmente interpretato, nel lungometraggio spicca anche una straordinaria Julia Roberts che ritrova la sua carica artistica con un personaggio che non sottolinea di certo la sua bellezza, dando così amplio spazio a una bravura drammatica che non era così evidente dai tempi di Erin Brockovich.

Lento, come è lento il tempo che scorre lì nella contea di Osage, eppure pregno di dialoghi a volte soffocanti, altre calmi in attesa della tempesta di emozioni e di recriminazioni che coinvolge e sconvolge i personaggi del lungometraggio, I segreti di Osage County mantiene intatta la teatralità della scrittura dalla quale è nato, regalando al pubblico una perla cinematografica di certo non facile da gestire per la crudezza, in alcuni punti anche eccessivamente sopra alle righe, di avvenimenti che accadono nell’arco di poche ore, ma sicuramente impossibile da sottovalutare sia per la cura della regia tra interni ed esterni sia per la grandissima prova di tutti i suoi protagonisti.

GUARDA IL TRAILER >>

Utlima modifica: 13 Febbraio, 2019



Condividi