fbpx
Connect with us

FESTIVAL DI ROMA

Festa del Cinema di Roma: For a happy life, l’esordio alla regia di Salima Glamine e Dimitri Linder (Alice nella città)

Presentato in concorso nella sezione di Alice nella Città, For a happy life è una storia d’amore che sfida le convezioni sociali

Publicato

il

For a happy life, esordio registico di Salima Glamine e Dimitri Linder, è la storia di un amore segreto tra due ragazzi di diversa etnia, Mashir (Zeerak Christopher) ed Amel (Sofia Lesaffre), che viene messo a dura prova dalla pressione delle rispettive famiglie tradizionaliste. Come poter vivere felicemente l’amore senza far soffrire nessuno ? A testimonianza di questo legame indissolubile, al centro di questo moderno dramma shakespeariano ci sono i tormenti e le pulsioni di due innamorati che tentano di vivere il loro amore al di là delle barriere sociali: Mashir è un giovane pakistano che deve far fronte alle aspettative materne e con uno zio autoritario; Amel è una ragazza algerina che vive con un padre vedovo e indulgente. L’incombenza di un matrimonio stabilito dalla famiglia di lui con la cugina Noor (Atiya Rashid), amica di Amel, metterà a rischio il loro rapporto.

La macchina da presa, come un occhio indiscreto, segue da vicino Amel  e Mashir, con intensità e complicità: nei baci rubati in un ascensore, negli incontri in un parcheggio, negli abbracci in strada, facendo emergere la passione di un amore tormentato e nascosto in cui traspare una profonda sensazione di disagio nell’impossibilità di viverlo pienamente a causa delle differenze e dei vincoli culturali a cui sono legati e che devono rispettare. È un’unione impossibile che prenderà direzioni inaspettate e avrà conseguenze su chi li circonda.

Che fare quando il non potersi ribellare alle regole di una cultura ritenuta ingiusta si trasforma in dramma? For a Happy life racconta senza moralismo il peso dell’ingiustizia sociale, attraverso un amore che si fa ostentatamente resistenza e che, al di là delle regole ingiuste di una cultura, vale la pena di essere  vissuto.

Silvia Scarpini

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

  • Anno: 2018
  • Durata: 85'
  • Genere: Drammatico
  • Nazionalita: Belgio, Lussemburgo
  • Regia: Salima Glamine, Dimitri Linder