fbpx
Connect with us

Serie Tv News

Luke Cage 2: la serie tv sul supereroe di Harlem raccoglie l’eredità di Black Panther per esprimere al meglio la cultura afroamericana

Publicato

il

 

E’ passato qualche tempo dalla conclusione della storia narrata nella prima stagione di Luke Cage: e alcune cose sono cambiate in maniera sostanziale, come ad esempio il fatto che adesso proprio Luke, prima contestato e ambiguo, ora invece eroe incontrastato di Harlem. E attenzione, è una novità sostanziale non solo dal punto di vista narrativo, ma anche culturale: per la Marvel questo è il terzo confronto con la cultura afroamericana.

Se sui fumetti, la casa editrice di Park Avenue è stata antesignana e precursore con diversi eroi, anche di primo piano, di colore; al cinema e in tv era una piccola barriera ancora da buttare giù. La prima season di Luke Cage aveva messo in campo le carte: ma era stata una soffiata, perché c’era ancora una certa pudicizia nell’argomento e tutto sembrava plastificato.

Probabilmente però il blockbuster (inaspettato e assoluto) Black Panther ha decisamente cambiato le carte in tavola: dettagli e ambientazione ora sono più curati, si scava a fondo con riferimenti precisi ricordando all’America – e al mondo intero, probabilmente – che gli afroamericani, con tutto il background che si portano dietro, sono un vero e proprio soggetto artistico e non tutte macchiette di colore spesso arrabbiati.  

luke cage

Dal punto di vista strettamente narrativo, invece, questo nuovo prodotto Marvel/Netflix è un po’ a metà strada fra gli esordi del connubio e gli ultimi, disastrosi esiti: Luke Cage 2 non è preciso, intellettualistico, elitario e bellissimo come il primo Daredevil, ma neanche confuso e irrisolto come Iron Fist o Defenders. E fa piacere vedere come uno dei fili conduttori, e sicuramente la traccia più visibile che dà coesione, sia la musica: si omaggiano Pete Rock & CL Smooth Songs citandoli nei titoli di pressoché tutti gli episodi, mentre la colonna sonora lega bene scene lungamente dialogiche un po’ à  Bendis – uno degli autori di testi più prolifici, letterari e bravi che hanno messo mano al personaggio sulle pagine dei fumetti negli ultimi dieci anni o giù di lì -, ma purtroppo si sente la mancanza della centralità baricentrica di un villain.

Mancanza che sembra voler essere colmata dai molti assilli filosofici, etici e morali che si gettano addosso al protagonista, senza però riuscire a dargli una reale tridimensionalità. È così che si forma quella aderenza totale tra personaggio – narrativo – e serie – come produzione -: entrambi afflitti da drammi irrisolti, entrambi altalenanti ed entrambi indecisi e riluttanti a prendere su di sé troppa attenzione, restando sempre un passo indietro dal successo e dalla riuscita totale.  

di GianLorenzo Franzì 

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

  • Anno: 2018
  • Durata: 13 episodi
  • Distribuzione: Netflix
  • Genere: Drammatico, thriller, fantascienza
  • Nazionalita: USA
  • Regia: Cheo Hodari Coker
  • Data di uscita: 22-June-2018
Commenta