fbpx
Connect with us

NEWS

Filmmakers al Chiostro premia “Le feuillu” di Rémy Cayuela come miglior corto horror

E’ Rémy Cayuela, giovane regista parigino, il vincitore della sezione horror di FilmMakers al Chiostro, il Festival di cinema indipendente organizzato a Pordenone dalla Mediateca Pordenone di Cinemazero, il voto del pubblico ha decretato infatti miglior cortometraggio tra quelli in concorso “Le feuillu”

Pubblicato

il

Le feulliu di Remy Cayuela

E’ Rémy Cayuela, giovane regista parigino, il vincitore della sezione horror di FilmMakers al Chiostro, il Festival di cinema indipendente organizzato a Pordenone dalla Mediateca Pordenone di Cinemazero nell’ambito dell’Estate in città del Comune di Pordenone con il sostegno della  Banca Friuladria – Credit Agricole. Ieri, martedì 20 luglio, nel corso della “Notte horror” del Festival, il voto del pubblico ha decretato infatti miglior cortometraggio tra quelli in concorso Le feuillu, commedia nera con cui Cayuela (giovanissimo cineasta, classe 1984, info su www.remycayuela.com ) si è già aggiudicato altri importanti riconoscimenti a livello mondiale, dalla categoria short di Cannes all’ Horrofest Festival di Cape Town, SudAfrica, fino al festival internazionale di cortometraggi di Tel Aviv. Un successo che gli ha garantito una collaborazione con la casa di produzione Partizan, con la quale realizza video musicali, corti e spot.

Un regista straniero si aggiudica dunque il primo importante premio di FilmMakers al Chiostro, a conferma della crescita a livello internazionale del Festival. Al secondo posto per la sezione horror, del resto, si è classificato Interscambio, cortometraggio del regista italiano, ma ora attivo a Madrid, Antonello Novellino. Sul podio al terzo posto il cortometraggio Stefania, thriller firmato dai giovanissimi registi (rispettivamente classe 1982 e 1984) Antonio Marzotto e Emanuele Milasi, girato con un bassissimo budget.

Padrino d’eccezione della “notte horror” di FilmMakers al Chiostro è stato l’attore Nuot Arquint, protagonista di Shadow, l’ultimo film horror del musicista leader dei Tiromancino, ma ora anche apprezzato regista di genere, Federico Zampaglione. Arquint ha raccontato al pubblico di FilmMakers l’esperienza sul set e il “delinearsi” del suo personaggio, il perfido Morthis, figura sadica e indefinita che è sicuramente la presenza più originale e forse persino la forza principale di tutto il film di Zampaglione: “per interpretare Morthis mi sono preparato leggendo libri e studiando la psicologia del serial killer” ha detto Arquint “e dal punto di vista della corporeità mi sono ispirato, come voleva il regista, alle movenze del serpente. Sono stato anche diverse ore dentro un cimitero: lì ho potuto incontrare il silenzio e la solitudine che ho poi trasposto nel mio personaggio. Il film di Federico, del resto, è un film che denuncia gli orrori della guerra: per questo mi sono ispirato anche all’ autobiografia dell’ufficiale nazista Rudolf Hess, un vero e proprio impiegato della morte”.

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.