Steven Spielberg con The Post mette insieme per la prima volta sullo schermo Meryl Streep e Tom Hanks

Steven Spielberg realizza una delle sue migliori pellicole: il merito è soprattutto degli attori, ma anche della bellissima fotografia di Janusz Kaminski e dei magnifici costumi di Anne Roth. Se ne consiglia assolutamente la visione

  • Anno: 2017
  • Durata: 118'
  • Distribuzione: 01 Distribution
  • Genere: Biografico
  • Nazionalita: USA
  • Regia: Steven Spielberg
  • Data di uscita: 01-February-2018

Dopo aver diretto il Il GGG – Il Grande Gigante Gentile nel 2016, Steven Spielberg firma il suo ventinovesimo lungometraggio dal titolo The Post, in cui racconta la vicenda della pubblicazione dei Pentagon Papers, documenti top secret del dipartimento della Difesa degli Stati Uniti d’America, prima sul The New York Times e successivamente sul The Washington Post nel 1971. I Pentagon Papers erano dei documenti di 7000 pagine, che presentavano uno studio approfondito sulle strategie e i rapporti del governo federale con il Vietnam nel periodo che va dal 1945 al 1967. Questi documenti hanno portato alla luce una verità a lungo nascosta: bugie raccontate sulla sanguinosa guerra in Vietnam, che aveva coinvolto quattro diversi presidenti degli Stati Uniti d’America: da Truman a Eisenhower, fino a Kennedy e Johnson. I Pentagon Papers rivelavano che ognuno di quei presidenti aveva ingannato l’opinione pubblica sulle operazioni americane in Vietnam, e che mentre il governo sosteneva di voler raggiungere la pace, dietro le quinte, i militari e la CIA incrementavano segretamente l’impegno dell’esercito nel conflitto.

The Post ci mostra la lunga battaglia che Katherine Graham, interpretata da un’ottima Meryl Streep, prima donna alla guida del The Washington Post, compie insieme a Ben Bradlee (Tom Hanks), il duro e testardo direttore del suo giornale, nell’intento di portare alla luce ciò che i quattro presidenti avevano nascosto e insabbiato per anni.  Steven Spielberg è sempre stato attratto dai momenti che hanno segnato profonde trasformazioni storiche, basti pensare a Schindler List, Lincoln e Il ponte delle spie. Con quest’ultimo film, il regista si concentra sulla figura di Katherine Graham, una donna che ha avuto il coraggio di percorrere fino in fondo la strada per la verità, mettendo a rischio la propria carriera.

La macchina da presa segue minuziosamente ciò che avviene nella redazione del The Washington Post. A guidare la squadra troviamo il duro e agguerrito Ben Bradley, sempre pronto ad aspettare la notizia giusta da pubblicare in prima pagina. E così gli avvenimenti del 1971 vengono raccontati in un crescendo di tensione, restituita come se fosse in tempo reale. Un merito va soprattutto all’eccellente sceneggiatura scritta da Liz Hannah e Josh Singer, i quali sono riusciti nell’intento di mostrare allo spettatore un’ottima ricostruzione storica e cronologica dei fatti che avvennero in quel periodo.

The Post è il film che ha fatto lavorare per la prima volta insieme Meryl Streep e Tom Hanks, i quali, in passato, avevano giusto partecipato a un documentario su Nora Ephron. Steven Spielberg realizza una delle sue migliori pellicole: il merito è soprattutto degli attori, ma anche della bellissima fotografia di Janusz Kaminski e dei magnifici costumi di Anne Roth. Se ne consiglia assolutamente la visione.

GUARDA IL TRAILER >>



Condividi