fbpx
Connect with us

Festival di cinema

I vincitori dell’8ª edizione dell’Ischia Film Festival

Il miglior documentario dell’ottava edizione dell’Ischia Film Festival è Mi vida con Carlos del regista Germàn Berger Hertz. Il viaggio autobiografico di un figlio in cerca della memoria del padre assassinato durante la dittatura cilena. Ma anche la storia di un paese che si rifiuta di ricordare i suoi anni più bui

Pubblicato

il

IschiaFilmFestival

Il miglior documentario dell’ottava edizione dell’Ischia Film Festival è Mi vida con Carlos del regista Germàn Berger Hertz. Il viaggio autobiografico di un figlio in cerca della memoria del padre assassinato durante la dittatura cilena. Ma anche la storia di un paese che si rifiuta di ricordare i suoi anni più bui. La motivazione della Giuria, composta dal regista e sceneggiatore Maurizio Sciarra, dal documentarista Leonardo Di Costanzo, dalla regista Costanza Quatriglio e da Andrè Ceuterick, direttore artistico del Festival internazionale del film d’amore di Mons è la seguente: “Per il lavoro giusto, sensibile e molto intelligente compiuto sulla memoria, quella di un uomo alla ricerca della figura del padre, attraverso la propria famiglia, e quella di un popolo costretto al silenzio e privato della libertà dalla dittatura fascista di Pinochet nel Cile degli anni ’70. La volontà di non dimenticare grazie a ricordi forti, immagini che sorgono dal passato, e testimonianze piene di sincerità e verità umana.”

Menzione Speciale della Giuria è La Bocca del Lupo film documentario di Pietro Marcello.

Il miglior cortometraggio è l’italiano libanese Habibi di Davide Del Degan. Due bambini vogliono passare una frontiera, che non è solo tra due stati, ma tra due condizioni della propria esistenza. La morte diventa occasione di vita, in un percorso fatto di immagini e sentimenti forti ed universali. Il film è stato girato con un budget molto basso e con una troupe di soli 10 persone disposte ad investire nel progetto senza compenso.

Menzione Speciale a La balancoire del belga Christophe Hermans.

Nella sezione Location Negata la giuria ha premiato il documentario Rouge Nowa Huta di Blandine Huk e Frederic Cousseau sulla città industriale polacca di Nowa Huta, ex promessa utopica del comunismo.

Altri premi sono andati a Giorgio Diritti (miglior regia per L’uomo che verrà), Giancarlo Basili (miglior scenografia per L’uomo che verrà) e Pierluigi Piredda (miglior fotografia per L’uomo fiammifero di Marco Chiarini).

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

Commenta