Articolo etichettato come: UNDERGROUND

ORG e Fernando Birri. Per un cinema imperfetto

csm_ORG_F.Birri_

Re-visioni di percorsi sotterranei e sperimentali. Rubrica a cura di Salvatore Insana

InsideOut Videoarte – Audiovisioni d’Oriente

Miao Xiaochun, Disillusion, 2009-2010, 10'09''

Re-visioni di percorsi sotterranei e sperimentali. Rubrica a cura di Salvatore Insana

TROPPOLITANI – il TEATRO VALLE OCCUPATO di REZZAMASTRELLA

Valleoccupato2

Re-visioni di percorsi sotterranei e sperimentali. Rubrica a cura di Salvatore Insana

Al via l’8° edizione del Dieciminuti Film Festival

dieciminuti

Internazionale più che mai, il festival del corto organizzato dall’associazione culturale IndieGesta a Ceccano in provincia di Frosinone si prepara alla partenza. Da giovedì 10 Gennaio, infatti, avranno inizio le proiezioni di un evento che negli anni ha dimostrato come, seppur partendo dal basso, sia possibile raggiungere notorietà e qualità con l’organizzazione di eventi culturali che vanno, per così [...]

FRATTO X – forma e demenza di REZZAMASTRELLA

FRATTO_X-rezzamastrella

Re-visioni di percorsi sotterranei e sperimentali. Rubrica a cura di Salvatore Insana

DZIWORSKI: A FEW STORIES ABOUT A MAN

AFewStories2

Re-visioni di percorsi sotterranei e sperimentali. Rubrica a cura di Salvatore Insana

Patire dal ridere: Rezza-Mastrella-Salis in DOPPIO ASSOLUTO

rezza

Re-visioni di percorsi sotterranei e sperimentali. Rubrica a cura di Salvatore Insana

TWO LANE BLACKTOP – Strada a doppia corsia

twolaneblacktop2

Re-visioni di percorsi sotterranei e sperimentali. Rubrica a cura di Salvatore Insana

Das Cabinet des Dr. Caligari live

"Das Cabinet des Dr. Caligari"D 1919/20R.: Robert WieneConrad Veidt

Re-visioni di percorsi sotterranei e sperimentali. Rubrica a cura di Salvatore Insana

“Perdere la faccia”

perdere-la-faccia-menoventi

Re-visioni di percorsi sotterranei e sperimentali. Rubrica a cura di Salvatore Insana

Piero Chiarello e la moltiplicazione degli orizzonti

Piero-Chiariello1

Re-visioni di percorsi sotterranei e sperimentali. Rubrica a cura di Salvatore Insana

CASUS BELLI

casus belli2

Re-visioni di percorsi sotterranei e sperimentali. Rubrica a cura di Salvatore Insana

Dopo sei anni, grande ritorno dell’Alienante Film Festival

alienante1

Erano sei anni che mancava all’appello, ma finalmente l’Alienante Film Festival sarà di nuovo in scena a Milano asa Loca, in Viale Sarca 183

Lilith – La dea dell’(altro) amore

lilithj

Re-visioni di percorsi sotterranei e sperimentali. Rubrica a cura di Salvatore Insana

FLAMING JACK – JACK SMITH e l’arte del fallimento

jacksmith_l1

Re-visioni di percorsi sotterranei e sperimentali. Rubrica a cura di Salvatore Insana

LA PAURA di Pippo Delbono

bimbi_paura

Re-visioni di percorsi sotterranei e sperimentali. Rubrica a cura di Salvatore Insana

NANNI BALESTRINI

nanni-balestriniSciopero

“Nanni Balestrini, poeta e manipolatore di linguaggi, attivo fin dalle avanguardie d’inizio ’60 e mai domo nel suo articolare e disarticolare forme, liberandole dalla palude della sintassi e del senso e rigenerandole ogni volta attraverso procedimenti costruttivi che non ignorano le potenzialità (in)espressive dei mezzi tecnici di cui potremmo far uso liberatorio e alternativo”

Tv Tenda di Leonardo Birindelli

lorella

“Al di là d’ogni consumistica multiplex c’è la Tv tenda, spazio per fruizione sacrale e singolare in senso letterale e lato. Postazione per due occhi soli e non sofferenti di claustrofobia. Progetto contundente e disturbante, deformante e rigenerante quello proposto da Leonardo Birindelli per i Cantieri del Meta-Teatro in corso in questi giorni a Trastevere.”

My son my son what have ye done

myson1

“Nell’ultmo Herzog, quello presentato a sorpresa all’ultima kermesse cannense, siamo dalle parti del più lynchano degli universi interiori, lì dove sottile arriva l’inganno che si cela dietro l’apparenza, lì dove il mistero si mescola con il più ambiguo e perturbante degli atteggiamenti, dove lo sguardo presuppone che nelle retrovie dell’azione ci si nutra di nefandezze inconfessabili”.

Povero Cristo

poveroCristo02

“Povero Cristo, girato nel 1975 senza orpelli né ornamenti, tra gli stracci e la polvere, tra le puttane e i disadattati, in piena convergenza con i costumi e le scenografie da arte povera, è la prima delle due pellicole che Pier Carpi ha diretto a partire da sue stesse opere letterarie”

The sound of insects – Record of a mummy

TheSoundOf1

“Ultimo lavoro di Peter Liechti, resistente filmmaker svizzero, The Sound of insects è un meticoloso diario interiore che avanza tra pratiche di svuotamento e s-vanimento, pregnato della sistematica indolenza di chi mira all’assottigliamento del corpo e della volontà, lasciandosi morire premeditatamente, nella quieta risolutezza e nel progressivo distaccamento dai desideri.”

Senza posto – Un incontro con Rezza/Mastrella

bahamut1

“Antonio Rezza e Flavia Mastrella, ovvero un raro ed emblematico esempio di un’esperienza incontrollabile degli estremi, pratica agita senza misura e senza moderazione che tenga, passando dalla sfrenatezza esagitata del teatro, alla sfrontatezza spiazzante della televisione, sino all’indolenza catatonica di parte del loro cinema”

L’apocalisse secondo Emil Cioran

cioran2

“Figura eccedente quella dello scrittore quanto quella del filosofo, amico di Beckett e Ionesco, Emil Cioran ha avuto (goduto?) una vita da esiliato, fuggendo in Francia nel 1936 e mai più ritornando in quella patria rumena nella cui “pochezza” per lungo tempo rifiutò di riconoscersi.”

La volontà oltre la rappresentazione: Ettore Ferettini

ferettini

“Ettore Ferettini, schivo impiegato bancario, kafkianamente costretto alle ristrettezze dell’ufficio e poi però, forse proprio a seguito di tale sofferta “posizione”, capace di slanci rabbiosi, di contestazione dello stato delle cose, di indagine approfondita del persistente cortocircuito tra rappresentazione filmica e realtà”.

Senza ruolo – Un incontro con Roberto Nanni

ROBERTO NANNI 1

“Roberto Nanni è figura sfuggente. Attento studioso, per esigenza di sopravvivenza più che di sopraffazione di strategie militari, ostinatamente intransigente verso i felicemente reclusi nella gabbia dell’intrattenimento, mostra nei gesti e nelle parole, nei movimenti rapidi degli occhi così come nel rapportarsi verso il prossimo, una s-misurata e viscerale intensità, sempre sull’orlo di una ribellione gentile nei confronti dell’ordine costituito.”

Come si fa – Jak to sie robi

come si fa

“Piot Tymochowicz, spin doctor polacco di già affermato valore professionale, ha scelto di attaccare provocatoriamente – con gusto ironico da product placement di sé stesso – il sistema di partecipazione democratica, promuovendo attraverso la tv un “vero” provino per aspiranti leader politici, convinto di poter fare di chiunque “la persona giusta per le sorti del Paese”.

Dalì e Duchamp: l’elogio della segretezza

MDand EveBabbit_b

“Due vite parallele, tanto divergenti per atteggiamento quanto affini per campi d’indagine. Con l’elogio della segretezza a far da titolo ossimorico in un percorso documentario che lega due menti il cui intento è stato a lungo – piuttosto che il negarsi alle attenzioni esterne – quello di crear scandalo e scompiglio.”

Roman Polanski: Wanted and Desired

roman_polanski1_wanted

“Prodotto dalla HBO, il documentario che Marina Zenovich ha dedicato all’insoluto caso giudiziario di cui è a tutt’oggi protagonista e vittima Roman Polanski, ha il sorprendente merito di andare oltre il compito meramente informativo di un’inchiesta giornalistica.”

Four American Composers: John Cage

Cage-I2

“Possibile restar fedele all’assenza di sintassi, alla scarnificazione del linguaggio e alla sovversione della comunicazione, quale ha sempre tentato di essere la musica e la vita di John Cage? Peter Greenaway ha accettato questa ardua sfida, confrontandosi con un metodo creativo e con una personalità di gran lunga divergenti dall’assoluto e vertiginoso controllo costruttivo che caratterizza i suoi film.”

Fare un film per me è vivere

antonioni

“Fare un film per me è vivere, il documentario-backstage che Enrica Fico – per tanti anni moglie e, in ruoli diversi, compagna di lavoro di Michelangelo Antonioni – ha girato durante le riprese di Al di là delle nuvole, si presenta come appassionato omaggio corale al mondo poetico d’un uomo e d’un artista.”

IL TESORO DEL BABA

tesoro-baba-locandina

“Il Tesoro del Baba è il reportage semi-serio che Alessandro Antonaroli, regista e scrittore già avvezzo a simili imprese, ha pensato, “sceneggiato”, girato e poi da solo montato, nell’indiana residenza-tempio d’un torinese che, dopo quarant’anni di vita nella regione di Hampi è riuscito a metamorfizzarsi in fachiro.”

CROLLO NERVOSO

Gaznevada

“Viaggio felicemente sconnesso in un tempo fatto di rivolte interiori e di ribellioni manifeste, presentato a Roma negli spazi de In The Basement, Crollo Nervoso è una meritoria e dettagliata ricognizione storiografica su una stagione di grande e dissonante fermento sotterraneo, non limitato al campo musicale ma presto estesosi in ambito di protesta e tentata rigenerazione socio-politica e culturale.”

Emile De Antonio’s Underground

weather_underground3

“Riscoperto con una retrospettiva e una monografia dedicatagli dall’edizione 2009 del milanese Filmaker Film Festival Doc, il cinema di Emile De Antonio è passato per Roma grazie ai due lavori che il Cinema Trevi ha proiettato nei giorni scorsi.”

Moravia tra cinema e letteratura – La Provinciale

provinciale

“Tre serate dedicate ad Alberto Moravia, tra cinema e letteratura. Un’occasione per tentare un dialogo e una vivificante convergenza tra arti, letture, visioni e re-visioni critiche prima e dopo le proiezioni.”

Paolo Gioli, un cinema dell’impronta

Paolo_Gioli_2

“Indomito esploratore della “formidabile capacità che la materia fotosensibile ha nel manomettere ogni cosa tocchi”, lottatore per immagini, legato alla pellicola e refrattario all’uso di tecniche digitali, Paolo Gioli è l’autarchico artista veneto al quale la Kiwido ha dedicato recentemente un’accurata pubblicazione monografica”

Incontri alla fine del mondo

ecounters2jpg

“Alla fine del mondo si va per scelta. Per insostenibilità a vivere altrove, per irrefrenabile volontà di abbattere i limiti o sbatterci contro. Werner Herzog a McMurdo ci è andato con la sua inquieta e vorace curiosità.”

Francis Bacon e la logica della sensazione

bacon_photo

“Distorsione e disgusto. Macabra necessità di convogliare sulla tela la brutalità dei fatti.La figura di Francis Bacon si erge all’interno delle battaglie artistiche del secondo Novecento come un unicum capace di violentare la percezione del secolo pur conservandosi nell’ambito della pittura figurativa.”

Il cinema più piccolo del mondo

Fish Eye on Shanghai

“Roma ha da qualche giorno un inedito spazio dedicato a visioni che, per formato, per storia produttiva e per modalità di fruizione si propongono come un’alternativa alle più standardizzate immagini “confezionate”.
Presso l’Associazione Granma è stato infatti inaugurato il Cinema più piccolo del mondo.”

Poesia che mi guardi

AnPozzi

“Poesia che mi guardi, presentato all’interno del XV Convegno internazionale di studi cinematografici organizzato dal Dipartimento di comunicazione e spettacolo dell’UniRomaTre, è il terzo lungometraggio di Marina Spada.”

Il Muratore – Muri di Celluloide

bricklayer-thumb

“Possono bastare quindici minuti per demolire le illusioni di un mondo e segnare il punto di non ritorno di un’epoca clamorosamente implosa su sé stessa. Tanto dura Il muratore, cortometraggio che Krysztof Kieslowski girò nel 1973 e che ha aperto la giornata conclusiva di Muri di Celluloide.”

Publisher: Vincenzo Patanè Garsia | Ufficio stampa: Valentina Calabrese | Concept designer: Gianna Caratelli | Webmaster: Creazioni Web