Articolo etichettato come: Rubrica a cura di Fabio Meini

SAID

Le colonne sonore nel cinema di genere italiano. Rubrica a cura di Fabio Meini

Diabolik

Diabolik_car

Le colonne sonore nel cinema di genere italiano. Rubrica a cura di Fabio Meini

Dracula 3D

teaser-trailer-italiano-dracula-3d-11843

Le colonne sonore nel cinema di genere italiano. Rubrica a cura di Fabio Meini

Schock

schock2

Le colonne sonore nel cinema di genere italiano. Rubrica a cura di Fabio Meini…

7 Note in nero

7_Note_in_Nero_MDF112

Le colonne sonore nel cinema di genere italiano. Rubrica a cura di Fabio Meini

Lo chiamavano Trinità

locandina

Le colonne sonore nel cinema di genere italiano. Rubrica a cura di Fabio Meini

Una magnum special per Tony Saitta

saitta

Le colonne sonore nel cinema di genere italiano. Rubrica a cura di Fabio Meini

“Si può fare molto con 7 donne” di Fabio Piccioni

Si_Puo_Fare_WWLP7212

Le colonne sonore nel cinema di genere italiano. Rubrica a cura di Fabio Meini

“La Banda del Brasiliano”

banda cd

Le colonne sonore nel cinema di genere italiano. Rubrica a cura di Fabio Meini

Emanuelle nera

emanuelle-nera

Le colonne sonore nel cinema di genere italiano. Rubrica a cura di Fabio Meini

Arcana

01555201

Le colonne sonore nel cinema di genere italiano. Rubrica a cura di Fabio Meini

O.K. Connery

morricone 030

Le colonne sonore nel cinema di genere italiano. Rubrica a cura di Fabio Meini

Cannibal Holocaust

cannibal holocaust

Le colonne sonore nel cinema di genere italiano. Rubrica a cura di Fabio Meini

Profondo Rosso

jacopo-mariani-in-una-scena-del-prologo-del-film-profondo-rosso-1975-128608

Le colonne sonore nel cinema di genere italiano. Rubrica a cura di Fabio Meini

Tutti i colori del buio

Tutti i colori del buio

MAD PUPPET: il film “Tutti i colori del buio” di Sergio Martino fonde il classico thriller all’italiana col filone satanico di derivazione polanskiana. Per questo Nicolai ha unito il consueto sound di tensione di natura jazzistica con momenti più “esoterici”.

L’uccello dalle piume di cristallo

uccello-dalle-piume-di-cristallo

MAD PUPPET: “L’uccello dalle piume di cristallo”. Le musiche del primo giallo di Dario Argento composte da Ennio Morricone e dirette da Bruno Nicolai uscirono nel 1970 in LP sia in Italia che negli Stati Uniti. Per chi ama il Morricone “dissonante”, un disco immancabile della sua discografia. Rubrica a cura di Fabio Meini

Femina ridens

Femina_Ridens

MAD PUPPET, decima puntata. “Femina ridens” è un curioso film del 1969 del regista Piero Schivazappa con Philippe Leroy e Dagmar Lassander. Psichedelia, tensione ed erotismo nelle note della colonna sonora composta dal Maestro Stelvio Cipriani. A cura di Fabio Meini

Colpo maestro al servizio di sua maestà britannica

colpo maestro

MAD PUPPET: “Colpo maestro al servizio di sua maestà britannica” è un simpatico e riuscito spy-movie interpretato da Richard Harrison e dal grande Adolfo Celi che tornò allo spionistico dopo la grande prova in Agente 007 operazione tuono al fianco di Sean Connery. Le musiche di questo 007 all’italiana furono affidate a Francesco De Masi che compose per l’occasione una delle sue più memorabili colonne sonore.

Preparati la bara!

preparati la bara

MAD PUPPET, ottava puntata: “Preparati la bara!”. Il western “Preparati la bara!” di Ferdinando Baldi è un non dichiarato sequel del “Django” di Sergio Corbucci, con Terence Hill nel ruolo che fu di Franco Nero. La colonna sonora del film non si discosta dal genere e ne cavalca tutti i canoni. Gli autori sono i fratelli Reverberi, due compositori che hanno dato molto alla musica italiana. Rubrica a cura di Fabio Meini.

Il dio chiamato Dorian

doriangrayraro

MAD PUPPET, settima puntata: “Il dio chiamato Dorian”. Un film poco conosciuto tratto da un famosissimo romanzo di Oscar Wilde, “Il ritratto di Dorian Gray”, ed una colonna sonora uscita in un raro vinile promozionale accreditata a Peppino De Luca, ma che non è in realtà l’unico autore. Stiamo parlando di “Il Dio chiamato Dorian”, film di Massimo Dallamano con Helmut Berger e della sua misteriosa quanto affascinante colonna sonora, riscoperta nel 2008 grazie alla ristampa in versione completa e stereo. Rubrica a cura di Fabio Meini.

Angeli bianchi….angeli neri

angeli2

MAD PUPPET, sesta puntata: “Angeli bianchi….angeli neri”. “Angeli bianchi…angeli neri” è un documentario di Luigi Scattini sulla magia nera e i riti satanici. Come spesso accade, ad un film di basso interesse si lega una colonna sonora di alta qualità. Questo è il caso delle musiche che ha composto Piero Umiliani, già autore di sonorizzazioni di documentari, per questa pellicola quasi dimenticata. Rubrica a cura di Fabio Meini

Phenomena

phenomena1

MAD PUPPET, quinta puntata: “Phenomena”. Fabio Meini ci conduce all’interno della colonna sonora di “Phenomena” di Dario Argento. Da esperto qual’è ci fa notare le differenze fra l’edizione in vinile, quella in cd, e la musica che realmente si sente nel film. E poi tante altre le curiosità per appassionati e non. Rubrica a cura di Fabio Meini

Roma drogata: la polizia non può intervenire

drogata3

MAD PUPPET, quarta puntata: “Roma drogata: la polizia non può intervenire”. Fabio Meini ci conduce tra le musiche della colonna sonora che Albert Verrecchia compose per il film “Roma drogata: la polizia non può intervenire”, con la collaborazione di Tony Esposito, i Cyan, Sammy Barbot, Edda Dell’Orso e le Baba Yaga. Rubrica a cura di Fabio Meini

Il mio nome è Nessuno

Il_mio_nome_è_Nessuno_Fonda

MAD PUPPET, terza puntata: “Il mio nome è nessuno”. Fabio Meini (www.caniarrabiati.it) si cimenta con la colonna sonora di un interessante film, prodotto da Sergio Leone e diretto da Tonino Valerii (che il nostro Giovanni Berardi ha intervistato nella rubrica DA UOMO A UOMO), “Il mio nome è Nessuno”, le cui musiche furono realizzate dal maestro Ennio Morricone. Un altro viaggio affascinate, stavolta tra le sonorità tipiche del western all’italiana. Rubrica a cura di Fabio Meini.

Il gatto dagli occhi di giada

gattodagliocchi01

MAD PUPPET, seconda puntata: stavolta Fabio Meini (www.caniarrabbiati.it) si mette sulle tracce di una colonna sonora ‘perduta’, quella de “Il gatto dagli occhi di giada”, ricomponendo, da attento filologo, il mosaico di un album ‘fantasma’ che, fino al 2006, non era mai stato pubblicato. Una ricostruzione puntuale che appassionerà tutti gli amanti del cinema di genere. Rubrica a cura di Fabio Meini.

Milano Calibro 9

milano

TAXI DRIVERS alza la posta. Una nuova rubrica arricchisce il palinsesto: MAD PUPPET. Direttamente da CANI ARRABBIATI (www.caniarrabbiati.it), sito specializzato in cinema italiano di genere, Fabio Meini ci accompagnerà in un’avventura musicale in cui, di volta in volta, analizzerà le colonne sonore di alcuni tra i più interessanti film di una stagione cinematografica entusiasmante. Si comincia con “Milano Calibro 9″ di Fernando di Leo, le cui musiche furono curate dal maestro Luis Bacalov. Siete pronti ad agitarvi assieme alle curve mozzafiato di Barbara Bouchet? Rubrica a cura di Fabio Meini

Publisher: Vincenzo Patanè Garsia | Ufficio stampa: Valentina Calabrese | Concept designer: Gianna Caratelli | Webmaster: Creazioni Web