Articolo etichettato come: Durata: 90′

Michel Petrucciani – Body and Soul

michel-petrucciani3

“Michel Petrucciani: questo film racconta la storia di come l’artista francese raggiunse il successo attraverso una volontà incrollabile e la forza della sua personalità.”

Tutti per uno

valeria-bruni-tedeschi-nel-film-tutti-per-uno-204026

“Romain Goupil ‘abbassa’ il punto di vista all’altezza dei bambini per firmare un film politicamente impegnato, leggero nei modi e diretto nelle intenzioni provocatorie”.

Notizie degli scavi

notizie_degli_scavi_giuseppe_battiston_emidio_greco_003_jpg_jthd

“Emidio Greco ritrova un equilibrio narrativo che le opere a soggetto originale realizzate precedentemente non possedevano”

Rabbit Hole

nicole-kidman-e-aaron-eckhart-in-una-scena-del-film-rabbit-hole-diretto-da-john-cameron-mitchell-130754

“Rappresentare sul grande schermo il dolore più profondo che si possa immaginare, la perdita di un figlio, non è certo impresa facile: ci prova John Cameron Mitchell”

Dog sweat (Festival di Roma 2010)

una-scena-di-dog-sweat-180643

«Ancora Iran. Dopo “Donne senza uomini”, “I gatti persiani” e “About Elly”, continua il filone di quella cinematografia iraniana che, da anni, rivendica a gran voce una maggiore quota di libertà in un paese da troppo tempo impantanato in uno stato di repressione culturale, politica e umana, davvero insostenibile».

Mammuth

isabelle-adjani-con-gerard-depardieu-nel-film-mammuth-180307

“La felice accoppiata Delepine/Kervern produce un altro piccolo splendido film”.

Il rifugio

isabelle-carre-nei-panni-di-mousse-nel-film-le-refuge-di-ozon-168787

«Anche “Il rifugio “conferma, nel bene e nel male, la cifra cinematografica degli ultimi film di Ozon, soprattutto se si pensa a “Ricky” e “8 donne e un mistero”».

La Banda del Brasiliano (DVD)

G_gal-4

Il collettivo John Snellinberg si era già fatto notare con il lungometraggio “A bonatti Story”, storia agrodolce di calcetto e redenzione. Il nuovo lavoro, “La Banda del Brasiliano”, affonda le radici nella tradizione dell’action italiano anni ‘70, quel genere denominato dai critici dell’epoca in maniera dispregiativa ‘poliziottesco’, poi diventato oggetto di culto in tutto il mondo.

Saw VI

tanedra-howard-vittima-sacrificale-in-saw-vi-148338

“Sesto capitolo della saga dell’enigmista. Sesto capitolo di quella che ormai sembra candidarsi come una storia infinita, perché infiniti potrebbero essere gli omicidi ‘messi in scena’ da Jigsaw”.

Survival of the dead (Fantafestival 2010)

survival

«Le ‘teste morte’ hanno vinto. Il verdetto, spietato e lapidario, sta nella morale di “Survival of the Dead”, ultima fatica di George A. Romero. A tre anni dall’outbreak rappresentato da “Diary of the Dead” (2007), il ‘papà degli zombi’ torna a rivitalizzare l’epopea germogliata nel 1968 con la sesta pellicola dedicata all’apocalisse dei non morti».

I Tre Volti della Paura (dvd)

I Tre Volti della Paura

I tre volti della paura, film a episodi che per la sola definizione dovrebbe essere definito minore (nonostante nel periodo non fosse affatto una forma da trascurare), ma che in realtà è una delle vette più alte del cinema italiano.

Valhalla rising (TeKfestival 2010)

una-scena-del-film-valhalla-rising-127701

“Nicolas Winding Refn stupisce con il suo ultimo film, fornendo una prova di grande visionarietà, rievocando tanto cinema d’autore rielaborato in maniera originalissima”.

Fratelli d’Italia

nader mare

«Claudio Giovannesi, con “Fratelli d’Italia”, cerca di affrontare la questione dell’immigrazione nel nostro paese, attraverso il racconto delle storie di tre ragazzi».

Notte folle a Manhattan

la-coppia-phil-steve-carell-e-claire-foster-tina-fey-nel-film-date-night-150911

«”Notte folle a Manhattan”: una divertente commedia con Steve Carrel mattatore; un family movie movimentato per uscire fuori dalla solita routine».

La Première étoile

G17826_1518578142

“Il cinema francese sveste, per una volta, i paramenti sacri imposti dalla liturgia d’autore, regalandoci una commedia fresca, vivace e piena d’umorismo”.

Happy family

1Gabriele_Salvatores

«A poco più di un anno di distanza dal cupo “Come Dio comanda”, Gabriele Salvatores torna in sala confermandosi ancora una volta l’eclettico sperimentatore di sempre».

San qiang pai han jing qi (A Gun and A Noodle Shop). Berlinale 2010

the-first-gun-04

“Un mercante persiano volteggia con la spada e disegna nell’aria una coreografia perfetta: l’azione è filmata con eleganza e maestria tecnica, scherzando con la forza di gravità e giocando con il rallenty e i colori. É proprio l’inizio che ci si aspetta da un film di Zhang Yimou.”

HOUSING

housing2

“Il problema abitativo rimane a tutt’oggi un’ossessione irrisolta per molte famiglie povere in cerca di una risolutiva stabilità di vita.Federica Di Giacomo ha indagato il groviglio di esistenze al limite del sostenibile che ruota intorno agli agglomerati di case popolari della periferia di Bari.”

Piovono Polpette 3-D

film-piovono-polpette-3

“Diretto dagli esordienti Phil Lord e Chris Miller, l’ultimo film di casa Sony narra le vicende di Flint, un bizzarro inventore che sin da piccolo spera di realizzare qualcosa che possa cambiare la vita della sua cittadina”.

L’ultima estate

locandina_cut2

“Dal Nuovo Cinema Aquila prende il via ‘L’ultima estate’, il film di Eleonora Giorgi che racconta le vicende di un Romeo e una Giulietta di oggi animate dal contrasto tra quartieri alti e periferie dove non ci si annoia mai…”

Ben X

ONEMOVIE_BenX_11

“Lungometraggio d’esordio per Nic Balthazar che dopo aver collezionato diversi premi, si impone allo sguardo dello spettatore italiano per la modernità di cui è capace”.

Torino nera

Meglio chiarirlo da subito: questo Torino nera di Massimo Russo non ha niente a che vedere con il film di Lizzani del ’72.

Ludwig Van (Festival Fish-Eye)

ludwig van

“Unico lungometraggio di Mauricio Kagel, compositore argentino presto emigrato in Germania ed autore anche di numerosi cortometraggi sempre in bilico tra sperimentazione (soprattutto in campo sonoro) e uso più classico dello specifico filmico.”

Ricky

1218363070

“Con una storia che ha del surreale e fantastico, uno dei cineasti francesi di maggiore talento, Francois Ozon, ci trascina nella sua ultima pellicola Ricky”.

Publisher: Vincenzo Patanè Garsia | Ufficio stampa: Valentina Calabrese | Concept designer: Gianna Caratelli | Webmaster: Creazioni Web