bumba-atomika-01

31. Fantafestival: “Bumba atomika” di Michele Senesi

31. Fantafestival. “Bumba atomika” di Michele Senesi: in una cittadina della provincia marchigiana, tre ragazzi e una ragazza piuttosto sbandatelli – tra i quali il nostro redattore Francesco Massaccesi – vivono vedendo quale loro principale ragione di vita l’assunzione di alcool, tanto che, continuamente al verde, scoprono nel commercio di cadaveri una rigogliosa fonte di guadagno che gli consente di acquistare la “bumba”. La recensione di Francesco Lomuscio.

manifestoa3bis

31. Fantafestival: “La canzone della notte” di Giovanni Pianigiani

31. Fantafestival. “La canzone della notte” di Giovanni Pianigiani: una favola noir che, sfruttando la figura di un uomo senza memoria che ha il potere di aiutare gli altri ma non riesce a prendersi cura di se stesso, racconta di oracoli e sensuali danzatrici attraverso una storia malinconica e feroce, volta a dipanarsi tra struggenti canzoni e violenti delitti destinati ad evocare antichi miti medio orientali in una Roma notturna e misteriosa. La recensione di Francesco Lomuscio

Miaeilmigu_3

Mià e il Migù

Mià è una bambina coraggiosa che vive in un villaggio nel Sud America. Il suo papà, Pedro, l’ha lasciata alle cure di tre simpatiche vecchiette per poter lavorare come operaio edile in un luogo molto lontano. Convinta che la vita del genitore sia in pericolo, Mià decide di raggiungerlo a tutti i costi, intraprendendo un viaggio avventuroso che la porta nel cuore della foresta amazzonica.

tumblr_l6mepaVjxY1qcna5d

Il prossimo tuo

FILMSTUDIO: “Il prossimo tuo”, film di Anne Riita Ciccone, presentato nel 2008 al Festival Internazionale del Cinema di Roma, visto da TAXIDRIVERS per la sezione dedicata al cinema indipendente. Recensione di Valentina Calabrese

Perimetro Di Paura

Perimetro di paura (dvd)

Dopo aver trascorso sette anni e ventidue giorni in prigione per aver ucciso il violento marito poliziotto Mike (Michael Paré), Marnie Watson (Famke Janssen) si trova a dover scontare gli ultimi sei mesi di condanna agli arresti domiciliari, con una cavigliera elettronica indosso che le impedisce di allontanarsi di oltre cento passi dal raggio del segnale sorgente e la costante custodia di Shanks (Bobby Cannavale), ex collega del defunto.

n647962737_1377961_2351

ZOE’

FILMSTUDIO: TAXI DRIVERS continua a seguire la programmazione del celebre cineclub romano, il FILMSTUDIO, dedicata alla proiezione di film indipendenti italiani. Questa settimana è di scena “Zoè” di Giuseppe Varlotta: Zoè è una bambina che, costretta a fuggire durante i rastrellamenti da parte dei soldati tedeschi, va alla ricerca del padre attraverso un viaggio onirico e fantasioso per i boschi e i paesaggi del Piemonte. A cura di Valentina Calabrese

appuntamento-a-ora-insolita

Appuntamento a un’ora insolita

FILMSTUDIO: “Appuntamento a un’ora insolita”. Bisogna ringraziare l’iniziativa “Prime visioni-cinema e documentario indipendente in sala”, ancora fino a metà Dicembre ospitata dal Filmstudio (www.filmstudioroma.com) di Roma, per la visibilità offerta ad opere sensibili e molto ben interpretate come questa. Forse non un film per tutti, non un film perfetto, ma di certo una prova corale di altissima qualità, dove, nonostante il taglio anche troppo teatrale, la regia riesce comunque a mostrare invenzioni originali, regalandoci scorci insoliti di una splendida Torino”.

un-marito-di-troppo

Un marito di troppo

“Un ritmo frenetico nei dialoghi e un plot incentrato sulla guerra dei sessi fanno dell’ultimo film di Griffin Dunne un’attualissima screwball comedy”.

yolande-moreau-ed-ulrich-tukur-in-una-scena-di-seraphine-179400

Sèraphine

«Premiato con ben sette César, “Séraphine”, l’ultimo film di Martin Provost, ha riscosso in Francia un successo straordinario, racimolando quasi un milione di spettatori».

davide-nebbia-in-una-scena-del-film-la-strategia-degli-affetti-148706

La strategia degli affetti

«”La strategia degli affetti”, secondo lungometraggio di Dodo Fiori, indaga dinamiche affettive ed esistenziali, concentrandosi su un nucleo borghese e sul malessere degli esseri che lo abitano».

comingsoonfilm

Coming soon

«Interessante esordio alla regia di Sophon Sakdaphisit, con un film probabilmente influenzato dalla visione di “Demoni” del nostro Lamberto Bava».

morgan-spurlock-in-una-scena-del-film-che-fine-ha-fatto-osama-bin-laden-161865

Che fine ha fatto Osama Bin Laden?

«Dopo “Super size me”, Morgan Spurlock alza la posta con un documentario che svela con chiarezza, e perfino con senso dell’umorismo, quanto siano infondate le vulgate intorno ai popoli islamici».

fuga dall call center copia

Fuga dal call center (dvd)

Del lungometraggio d’esordio di Federico Rizzo, il cui titolo si presenta quale omaggio sia all’opprimente carcere di Fuga da Alcatraz di Don Siegel che al particolare humour di Fuga dalla scuola media di Todd Solondz, già parlammo su queste pagine, nell’aprile del 2009, in occasione della sua uscita nelle sale cinematografiche.

Cimap-300x296

Cimap!-Cento italiani matti a Pechino

Giovanni Piperno, già autore di diversi documentari (ricordiamo L’esplosione, vincitore nel 2003 del Torino Film Festival), ci trascina in un particolare viaggio datato 2007 da Venezia a Pechino con la sua ultima fatica: Cimap!-Cento italiani matti a Pechino, presentato presso il Festival del Film di Locarno e dedicato a Mario Tommasini e allo psichiatra Franco Basaglia.

corrado-fortuna-nel-film-una-notte-blu-cobalto-103951

Una notte blu cobalto

“La pellicola, diretta dal regista catanese Daniele Gangemi, è una black-comedy in salsa sicula che porta sul grande schermo le disavventure sentimentali e lavorative di uno studente”.

flesh-mannequins-2

House of flesh mannequins (Fantafestival 2010)

«Era ora che qualcuno, in Italia, si accorgesse di “House of flesh mannequins” (2008), opera prima del regista Domiziano Cristopharo, che nel resto del mondo si è già aggiudicato vari premi all’interno di importanti festival internazionali, ultimo l’Independent Spirit Award al A Night of Horror International Film Festival di Sydney».

giovanna-mezzogiorno-protagonista-del-film-sono-viva-160444

Sono viva

“Il film abbraccia sia le tematiche classiche della veglia funebre, sia quelle contemporanee che riflettono sulla condizione del lavoro precario e dell’incomunicabilità tra padri e figli”.

BURMA VJ

Burma Vj – Reporting from a closed country

Rivoluzionario sin dalla distribuzione Burma VJ non teme di sporcarsi le mani, anzi rimesta nella polvere come solo i più luridi spaghetti western con l’intento di lerciarsi alla stessa maniera in cui ha fatto e continua a fare la spietata dittatura Birmana.

kevin-costner-e-madeline-carroll-in-una-scena-del-film-swing-vote-84447

Swing Vote

«Passerella per diverse star del piccolo e grande schermo, ma costruito tutto sulle solide spalle di Kostner, “Swing vote” è una simpatica commedia da gustarsi in famiglia, che nelle atmosfere per certi versi ricorda “Due candidati per una poltrona”».

emily-blunt-e-amy-adams-in-una-scena-del-film-sunshine-cleaning-108068

Sunshine cleaning

«Gli stessi produttori di “Little Miss Sunshine” ci propongono un’altra storia che c’invita a riflettere su come i momenti più amari della vita possano essere risolti o affrontati con più leggerezza».

killgil2

Kill Gil 2 e ½

“Gil Rossellini, figlio adottivo del celebre Roberto chiude, con quest’ultimo capitolo, la trilogia del suo straziante video-diario. Chiude anche lui, definitivamente. Dopo quattro anni di una micidiale malattia- un’infezione contratta da un feroce batterio- ci lascia.”

johannes-krisch-e-irina-potapenko-in-una-scena-di-revanche-148105

Revanche – Ti ucciderò

«Carico di numerosi riconoscimenti e trasposto in un trailer decisamente “allettante e pericoloso”, “Revanche”, nella sua visione completa, si autoridimensiona».

la_rieducazione_01

La rieducazione

«”La rieducazione” merita particolari lodi: un lungometraggio di più di novanta minuti è stato realizzato con soli cinquecento euro. Il film, scivolando su ambienti metropolitani periferici e ostili, si cimenta con ironico realismo o, se preferite, con la saggezza del buon padre di famiglia, con la scottante questione del lavoro».

DSC_0065

La velocità della luce

“Nulla è come sembra in questo noir fatto di ombre e di luci, scandito per buona parte dall’altalenanza di tunnel e spazi aperti. Il regista mette in scena la quotidianità di tre individui che, per uno scherzo del destino, si conoscono e si troveranno ad essere disarmati l’uno di fronte al carisma dell’altro.”

9saltarelli_-_pietro_e_i_briganti

Mala tempora

«Per il regista romano Stefano Amadio “Mala Tempora” è un western medievale, un noir in cui i personaggi hanno due anime o nessuna, un thriller con molti omicidi e senza sangue, ambientato tra gli eremi e le montagne abruzzesi».

Afterschool 3

Afterschool

«Metti un doposcuola di quelli che piacciono a Gus Van Sant, rarefatti e invisibilmente inquietanti, aggiungi cortocircuiti tra realtà, adolescenza e video a bassa risoluzione. Mescola senza cura e ottieni “Afterschool”».

Motel V 274

Motel

“Due pescatori squattrinati, Aldo e Aleandro, decidono di rapinare un supermercato per saldare un prestito. Finiscono sulle loro tracce un investigatore privato con la passione per i supplì e il suo acuto assistente dalle potenzialità incomprese.”

un-immagine-del-film-non-lo-so-1058801

Non lo so

«”Non lo so”, primo lungometraggio di Cristiano e Alessandro Di Felice, regala frammenti di ribellione e folate di pensieri vibranti, scagliati contro un mondo capace di costruire “gabbie sociali e morali”, in cui vengono rinchiusi burattini dalle menti inermi».

ivo-micioni-in-una-scena-del-film-stare-fuori-96284

Stare fuori

« Alla sua seconda prova di regia per lungometraggi, dopo “Altromondo”, Fabiomassimo Lozzi affronta con “Stare fuori” il tema dell’ amore assoluto, morboso, al confine con il patologico, quello dopo cui spesso non si riesce a sopravvivere».

barca_rossa

Radio Egnatia

“Un on the road ricco di folklore balcanico, incontri occasionali con artisti gitani, verità mai raccontate e tante domande circa la reale solidità di un’Unione, quella Europea, che un momento prima sembra esistere e l’istante dopo, due passi più in avanti, non esiste più”.

anna-foglietta-in-un-immagine-del-film-se-chiudi-gli-occhi-96974

Se chiudi gli occhi

«Scritto e diretto da Lisa Romano, al suo esordio registico, ed ambientato a Siracusa, “Se chiudi gli occhi” è, negli intenti, una commedia noir con due protagoniste, due donne, Veronica e Sara che “affrontano la vita in modo bizzarro, ma mettendocela tutta, finendo per combinare mille casini”».

Stretti-al-vento-gallery1

Stretti al vento

“I registi di questa piacevole avventura fra le onde, raccontano navigatori esperti, felicemente immersi, spesso da tutta una vita, in un viaggio nell’inconscio, in un confronto quotidiano con loro stessi, nell’inebriante solitudine che accompagna il sogno dell’Oceano”.

Terrorista

“Accusato di terrorismo e costretto alla fuga da una giunta militare che paradossalmente aveva preso il potere proprio con la forza e l’uso delle armi: questa è la storia di Percy Sampaio Camargo, professore brasiliano di microbiologia, le cui avventurose vicende vengono ripercorse nel documentario dell’italo-brasiliano Cèsar Meneghetti”

Uso-Improprio-Immagine-del-film_mid

Uso improprio

“Intenso, toccante e potente come un pugno ben assestato al volto, il documentario diretto da Luca Gasparini e Alberto Masi trascina lo spettatore in un microcosmo popolato da anime irrequiete in cerca di un piccolo angolo di paradiso, lontano dal caos di una società che non risparmia niente e nessuno”.

foto Home

Brokers – Eroi per gioco

«”Brokers – Eroi per gioco” è il primo film diretto per il grande schermo dal toscano Emiliano Cribari, poeta, scrittore e regista che i seguaci dell’home video conosceranno per i suoi lavori editi direttamente in dvd, dal mediometraggio “La ricreazione” (2004) all’autobiografico “Il bischero e il poeta” (2008).»

Design by Danile Imperiali
^ Back to Top