vlcsnap-2014-11-03-09h33m43s36

Claudio Caligari: da “Amore tossico” a “Non essere cattivo”, trent’anni di cinema

Più di trent’anni, una vita o quasi è il tempo trascorso dalla realizzazione del primo glorioso lungometraggio, “Amore tossico”, al nuovo progetto cinematografico, “Non essere cattivo”, fortemente sostenuto e promosso da Valerio Mastrandrea, che, per l’occasione, si è messo in gioco in prima persona, svolgendo il ruolo di produttore delegato, oltre a quello d’attore

jodorowsky-dune

Jodorowsky’s Dune

La Settima Arte è costellata di capolavori, di film di culto, di opere maledette ma è fatta anche di pellicole che non hanno mai visto la luce, o meglio il buio della sala, destinate nonostante tutto a diventare leggendarie

charlie

When the clown lought in hell (Seconda parte)

“La vita è bella”, “Train de vie”, “Jakob il bugiardo”: film diversi da cui, tuttavia, all’ombra scura del filo spinato, emerge uno squarcio di luce emesso dalla risata di un clown, la figura che nasconde una lacrima interiore, che indossa un pigiama a righe

t

When the clown lought in hell (Prima parte)

Si può far sorridere raccontando del massimo orrore della storia dell’uomo, quello dello sterminio degli ebrei? E fino a che punto lo sguardo comico può essere applicato alla tragedia? E il campo di concentramento, non è anche lo spazio del gioco più folle e spietato inventato dalla mente umana?

jules_e_jim

Jules e Jim – 53 anni dalla prima proiezione

24 gennaio 1962 – 24 gennaio 2015. Il capolavoro “Jules e Jim” del regista francese François Truffaut compie oggi 53 anni dalla prima proiezione. Il film è tratto dal romanzo autobiografico omonimo di Henri-Pierre Roché, il quale inizialmente doveva curare i dialoghi della sceneggiatura ma morì poco prima delle riprese. La storia è ambientata a

10888832_1518095711794859_3258591800893478033_n

“L’opera da tre soldi” di Brecht come vittoria del potere della musica. In scena a Roma al Teatro Sidecar. Piazzale degli Eroi 9

Ciascuno dei personaggi creati da Brecht, e raccolti, come in un ready made dadaista, dal regista Massimiliano Caprara, è fortemente se stesso e collocato in un luogo di stampo anglo/tedesco, ma anche profondamente italico. Anche se non si tratta di figure di giganti, ciascuno rappresenta una pietra miliare, archetipica di un mondo sempre attuale

metropolis-fritz-lang-wallpaper

Metropolis – 88 anni dalla prima proiezione

Metropolis fu proiettato per la prima volta il 10 gennaio 1927 all’Ufa-Palast am Zoo di Berlino e l’accoglienza non fu positiva, sia da parte della critica che da parte del pubblico europeo. Diverso destino invece ebbe negli Stati Uniti, in cui alla proiezione ufficiale al Rialto Theatre di New York vollero assistere oltre 10.000 persone

Stefano-Disegni-copertina-sua-de-Lammazzafilm-ed-Gallucci-Roma-2014

L’ammazzafilm, di Stefano Disegni

“56 film che hanno fatto la storia del cinema recente, rivoltati come calzini dal più feroce cinesatirico italiano”  recita il sottotitolo de L’ammazzafilm, ultima raccolta di vignette satiriche di Stefano Disegni, edita da Gallucci per la collana Ultra. Scrittore (Due Ruote e Una Stella, La Coscienza di Zen, Alla Riscossa), autore televisivo (L’Araba Fenice, Convenscion,

Design by Danile Imperiali
^ Back to Top