robert-bresson

Oggi, 23 Aprile, al Filmstudio di Roma, omaggio a Robert Bresson

Omaggio a Robert Bresson ore 16.45 e 22.20 V.O. con sottotitoli in italiano PICKPOCKET di Robert Bresson Con Martin Vassalle, Marika Green, Pierre Leymarie, Jean Pelegri, Dolly Scal, Kassagi. (Francia, 1959, b/n, durata: 75’). Michel diventa borsaiolo per sfida verso l’umanità e per sentirsi al di sopra della legge e della morale… “[…] Quello che,

ganja

Ganja Fiction: Mirko Virgili firma un revival di genere

Ganja Fiction rotola isterico e frenetico, scorre agitato e tiene incollati allo schermo grazie ad una regia portentosa, incredibilmente inventiva, che non si priva di mostrare vezzi virtuosistici e una compiaciuta eleganza formale, prendendo le distanze comunque dalla più nota e non sempre ben digerita patinatura autoriale

James_Woods

Buon compleanno James Woods

Compie oggi 68 anni il grande attore americano James Woods. Con una lunga carriera costellata da diversi riconoscimenti, tra i quali due candidature all’Oscar come miglior attore e un Golden Globe, Woods è uno della cosiddetta “vecchia guardia” essendo già presente sugli schermi dal 1972. In quell’anno infatti partecipava al film “I visitatori” di Elia

Adele e Jessica + Nuovo Sacher 2

Le cose belle di Agostino Ferrente e Giovanni Piperno al Cinema Nuovo Sacher di Nanni Moretti

Le cose belle, il film rivelazione della scorsa stagione approderà, domenica 12 aprile, al tempio del Cinema della Capitale, il Nuovo Sacher di Nanni Moretti, nell’ambito de Le domeniche del Documentario, rassegna ideata da Roberto Cicutto, che presenzierà la proiezione, e dedicata ai documentari della scuderia Luce Cinecittà.

nosferatu-murnau

“Nosferatu” di Friedrich Wilhelm Murnau: 93 anni di Storia

Sono passati 93 anni dalla prima proiezione del film sul vampiro più famoso della Storia del Cinema. “Nosferatu” di Friedrich Wilhelm Murnau fu proiettato il 5 marzo del 1922 e venne da subito considerato come uno dei manifesti del cinema espressionista tedesco assieme al celebre “Il Gabinetto del Dottor Caligari” di Robert Wiene uscito due

3

Giorgio Morandi al Vittoriano di Roma: poesia di una natura morta

Dopo quarant’anni dall’ultima mostra postuma del 1973, realizzata alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma e curata da Cesare Brandi, vengono proposte al pubblico le opere d’importanti collezioni pubbliche e private che consentono una ricca panoramica di questo maestro bolognese, ormai noto a livello internazionale

vlcsnap-2014-11-03-09h33m43s36

Claudio Caligari: da “Amore tossico” a “Non essere cattivo”, trent’anni di cinema

Più di trent’anni, una vita o quasi è il tempo trascorso dalla realizzazione del primo glorioso lungometraggio, “Amore tossico”, al nuovo progetto cinematografico, “Non essere cattivo”, fortemente sostenuto e promosso da Valerio Mastrandrea, che, per l’occasione, si è messo in gioco in prima persona, svolgendo il ruolo di produttore delegato, oltre a quello d’attore

alberto-sordi

12 anni fa scompariva Alberto Sordi, icona della Commedia all’italiana

Il 24 febbraio del 2003 muore Alberto Sordi, facendo perdere all’Italia non solo un grandissimo attore, ma soprattutto un pezzo della propria Storia. L’attore nasce a Roma nel 1920 e da giovane si iscrive all’Accademia dei Filodrammatici di Milano, dove però viene espulso a causa della sua dizione con pesanti influssi dialettali. Successivamente quando ritorna

metacover

“Il metacinema nelle opere di Lynch, Cronenberg, De Palma” di Chiara Nucera

Il cinema che parla di se stesso, che è specchio di se stesso, in un continuo disvelamento dei propri meccanismi di funzionamento del linguaggio utilizzato. È quel cinema che, consapevole di sé, delle proprie strutture e dei propri stili, dei propri meccanismi produttivi e della propria storia, decide di scoprire l’inganno, di rivelarne il trucco

jodorowsky-dune

Jodorowsky’s Dune

La Settima Arte è costellata di capolavori, di film di culto, di opere maledette ma è fatta anche di pellicole che non hanno mai visto la luce, o meglio il buio della sala, destinate nonostante tutto a diventare leggendarie

charlie

When the clown lought in hell (Seconda parte)

“La vita è bella”, “Train de vie”, “Jakob il bugiardo”: film diversi da cui, tuttavia, all’ombra scura del filo spinato, emerge uno squarcio di luce emesso dalla risata di un clown, la figura che nasconde una lacrima interiore, che indossa un pigiama a righe

t

When the clown lought in hell (Prima parte)

Si può far sorridere raccontando del massimo orrore della storia dell’uomo, quello dello sterminio degli ebrei? E fino a che punto lo sguardo comico può essere applicato alla tragedia? E il campo di concentramento, non è anche lo spazio del gioco più folle e spietato inventato dalla mente umana?

jules_e_jim

Jules e Jim – 53 anni dalla prima proiezione

24 gennaio 1962 – 24 gennaio 2015. Il capolavoro “Jules e Jim” del regista francese François Truffaut compie oggi 53 anni dalla prima proiezione. Il film è tratto dal romanzo autobiografico omonimo di Henri-Pierre Roché, il quale inizialmente doveva curare i dialoghi della sceneggiatura ma morì poco prima delle riprese. La storia è ambientata a

10888832_1518095711794859_3258591800893478033_n

“L’opera da tre soldi” di Brecht come vittoria del potere della musica. In scena a Roma al Teatro Sidecar. Piazzale degli Eroi 9

Ciascuno dei personaggi creati da Brecht, e raccolti, come in un ready made dadaista, dal regista Massimiliano Caprara, è fortemente se stesso e collocato in un luogo di stampo anglo/tedesco, ma anche profondamente italico. Anche se non si tratta di figure di giganti, ciascuno rappresenta una pietra miliare, archetipica di un mondo sempre attuale

metropolis-fritz-lang-wallpaper

Metropolis – 88 anni dalla prima proiezione

Metropolis fu proiettato per la prima volta il 10 gennaio 1927 all’Ufa-Palast am Zoo di Berlino e l’accoglienza non fu positiva, sia da parte della critica che da parte del pubblico europeo. Diverso destino invece ebbe negli Stati Uniti, in cui alla proiezione ufficiale al Rialto Theatre di New York vollero assistere oltre 10.000 persone

Stefano-Disegni-copertina-sua-de-Lammazzafilm-ed-Gallucci-Roma-2014

L’ammazzafilm, di Stefano Disegni

“56 film che hanno fatto la storia del cinema recente, rivoltati come calzini dal più feroce cinesatirico italiano”  recita il sottotitolo de L’ammazzafilm, ultima raccolta di vignette satiriche di Stefano Disegni, edita da Gallucci per la collana Ultra. Scrittore (Due Ruote e Una Stella, La Coscienza di Zen, Alla Riscossa), autore televisivo (L’Araba Fenice, Convenscion,

Design by Danile Imperiali
^ Back to Top