Gomorra

Gomorra – La serie

Gomorra – La serie (prima stagione, 2014) ci pare una narrazione audiovisiva che lascia uno spazio assai rarefatto al senso perturbante, e tutto contemporaneo, di agonia e di disconoscimento “simbolici” del reale

Ma Che colpa abbiamo noi

Ma Che colpa abbiamo noi di Carlo Verdone

Perché proporvi, oggi, un film che ha più di un decennio, e il cui regista non è nemmeno tra i preferiti di chi scrive? È che nel film di Verdone, ancora attuale, molte scene, con la loro leggerezza divertente e divertita, potrebbero essere usate nelle scuole di formazione in psicoterapia o counseling, e qualcuno potrebbe pensare di frequentarne una (o, perché no, sottoporsi ad una breve o lunga terapia, se è vero che l’estate porta consiglio), o solo riflettere sulle modalità di una comunicazione sana.

Winding Refn

Only God Forgives di Nicolas Winding Refn

Only God Forgives è una magica istallazione d’arte contemporanea sui toni del rosso inferno/sangue, blu elettrico a tratti barocco ma soprattutto minimalista, che non esita a calarsi nella tragedia di stampo greco, con ambientazione asiatica che va da Sion Sono a Kim Ki Duk, da Takeshi Miike a Park Chan Wook, da Takeshi Kitano a Tarantino

Adriano Aprà

Adriano Aprà: “Il nostro cinema stava diventando un’industria, ma la nostra critica non ne hai mai tenuto conto”

Giovanni Berardi incontra per Taxi Drivers Adriano Aprà, un mito, certamente, per i cinefili “netti e radicali” dei primi anni settanta. Sotto il segno del suo cinema austero, rigoroso, asciutto, ma soprattutto sotto il segno della sua teoria più radicale, della sua lezione, si è formata più di una generazione di cineasti, di studiosi del cinema. Perché Adriano Aprà rimane un insigne studioso dell’arte di pensare e di fare il cinema

Fantafestival

Master Blaster al Fantafestival 2016

“Anche quest’anno, seguendo la mia natura abitudinaria, ho seguito il Fantafestival per anticiparvi le novità che da settembre in poi, vedrete (o più probabilmente non vedrete) sui grandi schermi dei cinema Italiani”: Master Blaster, come consuetudine, ci conduce all’interno del festival, svelandoci i retroscena, e facendoci un’ampia panoramica dei film di quest’anno

Toponimia

Toponimia di Jonathan Perel

Jonathan Perel con Toponimia realizza un’opera concettuale, un manifesto metafisico, di grande forza per la sua iteratività visiva della messa in quadro. In un circuito scopico che porta lo spettatore a essere ipnotizzato dalla geografia dei luoghi e lanciato nel passato prossimo attraverso la macchina del tempo chiamata Cinema

Matteo Garrone

La malinconia nei film di Matteo Garrone

Il cinema di Matteo Garrone è archetipicamente legato all’immaginario delle maschere carnascialesche della tradizione filmica italiana, interessato alle derive simboliche del nostro sociale, alle periferie dei centri della nostra vita culturale più dinamica e civicamente progressista, e improntato altresì a un sentimento sempre più riconoscibile di pietà umana per le generazioni che hanno pagato (e stanno pagando) in prima persona quelle storie grottesche, marginali e consumistiche di fallimenti e rovine dell’Ego, senza aver avuto il privilegio di averle viste tradotte in drammi e narrazioni simbolicamente assimilabili

Cannes

Luci e ombre (parziali) dopo Cannes

Dopo la rassegna Le vie del Cinema, la manifestazione che ha portato i film di Cannes a Milano, Margherita Fratantonio fa un bilancio delle pellicole più significative: pare comunque, per quello che si è visto, che di ombre nelle storie personali e familiari che sono state raccontate ce ne siano davvero parecchie

Snazing Baby Panda

Arriva nelle sale italiane Sneezing Baby Panda

Sneezing Baby Panda, cartoon scritto e diretto da Lesley Hammond e Jenny Walsh con Amber Clayton, Jane Ubrien, Nick Stribakos, Gao Xiaowen, Grant Piro, è tratto da una storia vera che ha il suo inizio da uno starnuto di un panda utilizzato su YOU tube per sensibilizzare il mondo sul problema di uno zoo in difficoltà, il filmato diventa virale ed è visto da oltre 250 milioni di persone

Neruda

Neruda di Pablo Larrain

Ancora su Neruda di Pablo Larrain. Antonio Pettiere realizza un’estesa analisi dell’ultimo film del regista cileno. “Si rimane affascinati di fronte a Neruda, ultima opera di Pablo Larrain (la sesta), che conferma uno stile coerente e personalissimo, ma allo stesso tempo riesce a rinnovarsi per messa in scena e linguaggio cinematografico, in una progressione costante del suo cinema”

China Studios

China Studios: le nuove frontiere del turismo cinematografico – seconda parte

Le grandi Major cinesi, che sempre di più ricordano le imponenti industrie della Hollywood Classica dove la produzione coincideva con la distribuzione, stanno tutte investendo nel settore del turismo cinematografico. Huayi Brothers, casa di produzione, agenzia e distributrice, ha in programma la costruzione di venti città del cinema ispirate alle location usate negli stessi film dell’azienda, o ad altre che sarebbe molto più comodo avere in patria anzichè dover viaggiare all’estero per recuperare

TRAILERS FILMFEST 2016

Trailers FilmFest: l’Edizione 2016 per la prima volta a Milano

Dopo tredici edizioni siciliane a Catania si terrà per la prima volta a Milano, dal 5 all’8 Ottobre 2016 presso il Teatro Dal Verme, il Trailers FilmFest, primo e unico festival dedicato alla comunicazione e alla promozione del prodotto cinematografico in Italia.

Stand Up

Dedicato a tutti i sognatori: Stand Up, il nuovo lavoro di Giacomo Mantovani

Stand Up è il nuovo lavoro del regista italiano Giacomo Mantovani, prodotto con Cristina Isoli Sandri. Dalla durata di 18 minuti appena, Stand Up non è solo un cortometraggio: è un manifesto di libertà, un grido – univoco e unilaterale – contro ogni forma di violenza, di sopruso o più semplicemente di violazione di diritti.

Design by Daniele Imperiali
^ Back to Top