Trash-2014-Stephen-Daldry-39-932x621

Trash

Daldry colloca l’occhio della macchina da presa lontanissimo dal benessere occidentale passivo a cui siamo abituati, decidendo di raccontare una storia ai margini del mondo: nelle favelas brasiliane. Una storia vera. Il cuore, la trama e il significato del film girano tutti attorno a questi invisible children brasiliani: vivaci, coraggiosi, imprevedibili

these-final-hours

These Final Hours

“These Final Hours”, del giovane regista australiano Zak Hilditch non è il solito film sulla fine del mondo: si affrontano tematiche legate alla morte e all’amore, a poche ore dalla catastrofe e si assiste alla maturazione dei personaggi che andando incontro all’inevitabile finale

goodbye-to-language-heloise-godet-in-una-scena-del-film-370939_jpg_1400x0_q85

Adieu au langage – Addio al linguaggio

Ciò a cui assistiamo in “Adieu au langage” è la fine di ogni conciliazione, dunque anche la fine di ogni linguaggio (cinematografico, ma non solo) e quello di Godard altro non sembra che un ultimo (?), definitivo (?) congedo dal cinema stesso, da sé, dal mondo

Hunger Games

Hunger Games : Il canto della rivolta – Parte I

Jennifer Lawrence è attualmente la diva più amata ed ammirata, è facile parlare bene del suo lavoro e può sembrare ridondante, ma è così, questa attrice rasenta la perfezione più volte nell’arco del film, dipinge sul suo volto la realtà di una ragazza devastata dagli eventi, costretta a reagire e a lottare per coloro che ama

ogni-maledetto-natale-3-high_1_jpg_1400x0_crop_upscale_q85 (1)

Ogni maledetto Natale

Il trio di registi Giacomo Ciarrapico, Mattia Torre e Luca Vendruscolo porta al cinema Ogni maledetto natale, un film corale e dissacrante prodotto da Wildside e Rai Cinema

My old lady

My old lady

“My old lady” è un film da vedere, molto piacevole, coinvolgente e che restituisce un briciolo di speranza agli sfiduciati che si sentono, ormai, rottami arrivati al capo linea

Finding Happines

Finding Happiness – Vivere la felicità

“Finding Happiness” racconta attraverso gli occhi della protagonista la vera vita nelle comunità Ananada, facendo conoscere al pubblico il senso di fratellanza mondiale. Un film che è un viaggio, un’esperienza in grado di toccare e di entusiasmare

confusiefelici

Confusi e felici

Anche gli psicanalisti possono cadere in depressione! Lo sa bene Marcello (Claudio Bisio), psicanalista cialtrone e cinico, che un giorno decide di chiudersi in casa e mollare tutto.

Chi è Dayani Cristal?

Chi è Dayani Cristal?

Ci addentriamo in questo viaggio, in questi paesaggi e in questi occhi di tutte queste persone grazie al documentario “Chi è Dayani Cristal?”, ideato, diretto e vissuto in prima persona da Gael Garcia Bernal e Marc Silver.

Scusate se esisto!

Scusate se esisto!

Questa commedia ha una doppia sfaccettatura caricaturale/querelante con una straordinaria Paola Cortellesi, protagonista assoluta che, ancora una volta, mostra la sua innata capacità attoriale coinvolgente tanto da farla apparire come una di noi.

Deux Jours, Une Nuit

Due giorni, una notte

Performanti e concorrenti. Questi i due aggettivi del nuovo millennio che poggiano saldamente sullo squarcio aperto dall’ultima pellicola dei Dardenne: uno squarcio che i due cineasti esplorano con il solito minimalismo tecnico e il necessario rigore narrativo

Tre tocchi

Tre tocchi

Sei storie sono davvero troppo per un film di poco più di novanta minuti, e il lavoro di montaggio non riesce ad amalgamare in maniera armoniosa le vite dei protagonisti che gravitano intorno al mondo del cinema, del teatro, dello spettacolo

Sul vulcano

Sul vulcano

Gianfranco Pannone, noto regista di film documentari, e per aver firmato “Latina/Littoria” che vinse come miglior film documentario al Torino Film Festival del 2001, torna a dirigere un lungometraggio di stampo storico/antropologico

Lo sciacallo – Nightcrawler

Lo sciacallo – Nightcrawler

“Lo sciacallo” è un prodotto ben confezionato, la sceneggiatura spiccatamente nuova ed originale segna un aspetto di estrema attualità che fa parte della vita di tutti i giorni. La regia non smette mai di mostrarci il grande decoupage di reportage che compone il film tra corse spietate in macchina e video spietatamente cruenti e reali

La scuola più bella del mondo

La scuola più bella del mondo

Luca Miniero firma una brillante commedia dove si respira la piacevolezza della fanciullezza data dall’incontro tra alunni napoletani e toscani.

Interstellar

Interstellar

“Interstellar”: un viaggio dentro l’amore familiare. Si può vivere felicemente nella quinta dimensione

Torneranno i prati

Torneranno i prati

A tre anni di distanza dal suo ultimo lavoro, Il villaggio di cartone, Olmi è tornato dietro la macchina da presa con la trasposizione di un racconto del 1920 che snocciola le memorie di un giovane soldato durante la Prima Guerra Mondiale

La storia della principessa splendente

La storia della principessa splendente

A suo modo, Isao Takahata è un eroe. Pluri-ottantenne, fondatore con Miyazaki dello Studio Ghibli, maestro dell’arte animata giapponese, decide di impiegare 12 anni e più per realizzare a mano, praticamente solo, ogni singolo fotogramma del suo nuovo, probabilmente ultimo, film, “La storia della principessa splendente”, in uscita per 3 giorni nelle sale

Frank

Frank

Una ricercata colonna sonora (curata da Stephen Rennicks) non poteva che fare da cornice a questa splendida opera, dove ancora una volta Fassbender si conferma attore talentuoso e sensibile

Annie Parker

Annie Parker

Annie Parker è un film puro, intelligente a tratti quasi documentaristico e che non punta mai a voler romanzare gli avvenimenti e che si fa forte unicamente di due storie biografiche, alle quali non c’è bisogno di aggiungere nulla, e delle grandi interpretazioni delle due attrici protagoniste, Helen Hunt e Samantha Morton

Ritorno a l'Avana

Ritorno a l’Avana

Ottime le interpretazioni dei protagonisti: Jorge Perugorría, Isabel Santos, Fernando Hechevarria, Nestor Jimenez. Più una piece teatrale che un film

Non escludo il ritorno

Non escludo il ritorno

Un ritratto di un personaggio scomodamente inedito che ha sempre cercato uno spiraglio di allegria dalle vicende più amare, rimanendo se stesso pur allontanandosi dalla società che lo circondava. Il film è soprattutto una dedica a Califano da parte di Calvagna che, oltre ad essere stato un fan di vecchia data, è stato anche un personale amico; egli racconta la persona del Maestro nella stessa semplicità e nella sincerità in cui lui amava vivere

La danza della realtà

La danza della realtà

Jodorowsky è tornato dopo tanto tempo, ma gli anni passati non hanno scalfito la sua fantasia, la capacità di produrre immagini grottesche, forti, ma anche gioiose, poetiche, dotate di una forza che riesce sempre a penetrare l’occhio di chi guarda

The Salt of The Earth

Il sale della terra

Uno sposalizio senza precedenti, quello fra il regista tedesco Wim Wenders ed il brasiliano Sebastiao Salgado, uno dei fotografi più importanti di tutti i tempi, viaggiatore indefesso alla ricerca dell’uomo e della sua relazione con la natura fin nei meandri più remoti della Terra

#scrivimi ancora

#Scrivimi Ancora

“#Scrivimi Ancora” appassionerà i fan del genere, un po’ a digiuno di commedie romantiche vere e proprie, ma ha l’appeal giusto per richiamare in sala i più giovani, poco inclini a questo tipo di film ma attirati dal fascino dei due protagonisti.

andiamo-a-quel-paese

Andiamo a quel paese

Ancora troppo egocentrici e legati alla dimensione del palco da cui sono nati artisticamente per essere convincenti come esponenti della settima arte , Ficarra e Picone con “Andiamo a quel paese” sottolineano il bisogno di un ricambio generazionale in questa Italia, prima che l’unica eredità per i posteri non diventi davvero la pensione di mamma o papà

Guardiani della galassia

Guardiani della galassia

“Guardiani della galassia” è un film travolgente, che diverte e intrattiene con forza e strappa più di qualche risata e di qualche ricordo. Un viaggio nel tempo e nello spazio che ha tutti i difetti propri della scrittura di un cinecomic, ma che è gestito con così tanto brio che forse, nei limite del plausibile, davvero è un passo avanti verso qualcosa di più sostanzioso dell’eroe contro il cattivo

The judge

The Judge

Immensi nell’interpretazione, ed egregiamente diretti da David Dobkin, i due Bob del grande schermo (Duvall e Downey Jr.), attraverso serrati e sempre verosimili dialoghi e silenzi efficaci e funzionali, mettono in scena un lungo processo alle intenzioni e agli errori di una vita intera, uscendone entrambi colpevoli

class enemy

Class Enemy

Ottimo esordio per il giovanissimo regista sloveno Rok Biček, che dopo aver collezionato premi nei principali festival europei, porta nelle sale italiane il suo film drammatico “Class Enemy”

Io sto con la sposa

Io sto con la Sposa

“Io sto con la Sposa” è insieme il racconto della storia di un viaggio e un atto di disobbedienza civile

Amoreodio

Amoreodio

Tutti coloro che nutrono una particolare attenzione nei confronti della cronaca nera e nelle tante pagine che sono state scritte e si continuano quotidianamente a scrivere nel nostro Paese, riconosceranno con una certa facilità, nella sinossi di “Amoreodio”, i protagonisti e gli eventi di uno dei più efferati fatti di sangue che hanno tinto il recente passato

il-giovane-favoloso

Il giovane favoloso

Merito a Martone di aver scardinato il cliché di un Leopardi ai più sinonimo di pesantezza, rendendoci un italiano modernissimo nella sua chiave di lettura esistenziale con la quale confrontarsi e a partire dalla quale approfondire i suoi scritti

backstage-soap-opera

Soap opera

Una commedia in cui si sorride di tutto. Amore, sesso, amicizia, paternità, handicap, morte, eccetera, scoppiano come bolle di sapone

Piccole crepe, grossi guai

Piccole crepe, grossi guai

A prevalere è un ostinato attaccamento alla vita, in cui l’esperienza viva del dolore è ciò che permette agli autori di smarcarsi da una facile retorica che fa proseliti di speranza a vanvera, fornendo un credibile decorso degli eventi, nonostante i toni a tratti favolistici del film

Tutto può cambiare

Tutto può cambiare

Forte di un Premio Oscar vinto nel 2008 con “Once” per la Miglior Canzone, John Carney ci riprova a unire musica e romanticismo nel suo nuovo film “Begin Again – Tutto può cambiare”

Design by Danile Imperiali
^ Back to Top