Cake

Cake

Cake è una pellicola melodrammatica e dolceamara prodotta e interpretata da un’insolita Jennifer Aniston. Diretta da Daniel Barnz, è disponibile nelle sale italiane dal 7 Maggio 2015 distribuita da Warner Bros. Italia

Adeline - L'eterna giovinezza

Adaline – L’eterna giovinezza

Un film da “pop corn”, non certo impegnativo o impegnato. Sembra una favola moderna dove la bella e bionda principessa, interpretata da Blake Lively, finisce per incontrare il principe azzurro, in questo caso di molti anni più giovane.

I 7 nani

I 7 nani

I 7 nani è una moderna rivisitazione cinematografica della classica fiaba di Biancaneve e i 7 nani che sposa le eroine più amate di sempre con un cultura popolare e borghese

Ritorno al Marigold Hotel

Ritorno al Marigold Hotel

Una grande festa che termina con musica e balli, niente di più sembra essere Ritorno al Marigold Hotel. La leggerezza con cui vengono affrontati i temi risulta eccessiva lasciando lo spettatore poco coinvolto

Citizenfour

Citizenfour

Citizenfour è il titolo del documentario della regista Laura Poitras, che ha vinto il premio Oscar 2015 nella categoria miglior documentario

In the Box

In the Box

Giacomo Lesina debutta alla regia con un interessante film di genere, In the Box, girato in inglese e appetibile per il mercato internazionale

La memoria degli ultimi

La memoria degli ultimi

La memoria degli ultimi è la storia di un viaggio, emotivo, prima che fisico. Partendo dal difficile momento odierno del nostro Paese, il racconto sprofonda nella memoria della guerra e della Resistenza, attraverso le vite e gli sguardi di sette ex-partigiani combattenti, uomini e donne

Kurt Cobain File Photos

Cobain: Montage of Heck

Cobain: Montage of Heck di Brett Morgen è un’opera aperta all’insegna di un brulichio di frammenti visivi tratti da film di famiglia, da immagini iconiche dei media e da vecchie foto-ricordo cristallizzate in cornici a-temporali.

Le streghe son tornate

Le streghe son tornate

In Le streghe son tornate di Álex De La Iglesia il fantastico s’interseca con il reale. La messa in scena cinematografica attuata dal regista basco è solo un pretesto metaforico per dare forma a un qualcosa che per antonomasia è astratto: l’universo femminile

Road 47

Road 47

Road 47 non è il solito film di guerra dove tutto si risolve a qualche sparatoria, è più introspettivo e capace di raccontare con semplici parole un dramma collettivo. Un film che non perde mai la sua identità e lo fa senza scadere nel melodrammatico o nello strappalacrime

Le vacanze del piccolo Nicolas

Le vacanze del piccolo Nicolas

Dopo il grande successo di pubblico ottenuto in Francia con il film ‘Il piccolo Nicolas ed i suoi genitori’, il regista francese Laurent Tirard esplora nuovamente il magico mondo del piccolo Nicolas

Third person

Third Person

Third Person non è un melodramma classico, è un puzzle narrativo dove ad unire le tre storie vi è l’immaginazione e l’immaginario dell’arte della narrazione, più precisamente, infatti, si può definire un film sulla capacità di ideare e scrivere delle storie

shor

Short Skin

A volte, sempre più raramente a dire il vero, capita ancora di rimanere stupiti in positivo da una delle tante commedie che ogni anno vengono realizzate e prodotte in Italia.

maxresdefault

Black sea

Il film ha vinto il Leone Nero al Courmayeur Noir In Festival, e per la sua capacità di tenere sempre desta la soglia di attenzione dello spettatore, continuamente stimolato dal crescente livello di tensione, si preannuncia come un possibile competitore nella guerra degli incassi al botteghino

I bambini sanno

I bambini sanno

Quello che manca a “I bambini sanno” è un’idea di regia, un disegno generale capace di inserire le interviste, con voce fuori campo dell’intervistatore (lo stesso Veltroni), in un contesto più ampio e più approfondito

Il padre

Il padre

Questa volta Fatih Akin sembra non aver raggiunto i suoi obiettivi: il film non commuove, manca di creare un vero filo empatico con lo spettatore

Mia madre

Mia madre

Michele Apicella non c’è più, le sue provocazioni, il suo presentarsi come ragazzo-prodigio, Nanni Moretti è diventato definitivamente adulto, e allora la faccenda si fa più complicata, i dubbi invece di diminuire aumentano, il mondo appare più complesso ma al tempo stesso più ricco

Ooops! Ho perso l'arca...

Ooops! Ho perso l’arca…

L’abusato tema del diluvio universale, visto attraverso lo sguardo magniloquente dei grandi kolossal di Hollywood, torna ad occupare il grande schermo, ma stavolta tramite il filtro più puro e vivace del cartone animato

Ameluk

Ameluk

Mimmo Mancini, attore di teatro e autore di piccoli cortometraggi, debutta alla regia col suo primo lungometraggio di finzione dal titolo Ameluk

white-god

White God

Il sesto film di Mundruczó è “un racconto ammonitorio sul rapporto tra le specie superiori e i loro disgraziati subalterni. Emarginato e tradito, il migliore amico dell’uomo si ribella al suo padrone…” .

The fighters - Addestramento di vita

The fighters – Addestramento di vita

Il futuro è una lotta per Thomas Cailley, il regista esordiente della Francia Sud-Occidentale che ha sbancato in patria: tre premi alla Quinzaine des Réalisateurs del Festival di Cannes, tre Premi César 2015 e il Prix Louis Delluc dell’opera prima.

L'amore non perdona

L’amore non perdona

L’amore non perdona non lascia spazio alle emozioni che finiscono per essere risucchiate nel circolo di luoghi comuni. Il primo lungometraggio di Stefano Consiglio è solo lo spaccato di una società mille volte raccontata

5_Go5aoHQ_jpg_1400x0_crop_upscale_q85

Humandroid

Il film non cattura eccessivamente l’attenzione per la maggior parte della sua durata, ma per fortuna Blomkamp, che è anche lo sceneggiatore del film, tocca, anche solo alludendovi, delle questioni interessanti, decisive direi, come quella del rapporto creatore – creatura

Soldato semplice

Soldato semplice

Soldato semplice si propone di unire facce autentiche, parlate e inflessioni dalle parti più diverse d’Italia in un contesto narrativo drammatico che funge da osservatorio dell’Italia dei nostri nonni, i loro atti di eroismo e la vitalità con cui hanno affrontato le difficoltà imposte dal regime bellico

img_2826_JPG_1400x0_q85

L’ultimo lupo

Una pellicola impegnativa di 118 minuti con una forte connotazione politico-ambientale ed uno scorrimento lento che già riscontriamo come impronta stilistica nella filmografia di Jean-Jacques Annaud, con una narrazione che comunque non ne risulta intaccata

Wild

Wild

Wild è un film che sa ben trasporre sullo schermo le emozioni, ogni particolare rappresenta la psicologia della protagonista e questo è il tocco che il regista, Jean-Marc Vallée, dona all’intera pellicola

L’altra Heimat – Cronaca di un sogno

L’altra Heimat – Cronaca di un sogno

Edgar Reitz torna a ritroso nelle vicende della piccola città tedesca e il risultato è un meraviglioso affresco in cui a predominare è la quotidianità degli abitanti del villaggio, colti nelle loro occupazioni, nei loro affetti, nei loro giorni

Fast & Furious 7

Fast & Furious 7

Fast & Furious 7 diverte ed educa. La violenza è presente ma non è il fulcro della storia, non ha quindi compiacimenti. Mai eccessivo, rispettoso delle persone, con citazioni di preghiera collettiva e d’amore cristiano, è però un film di grandissimo impatto, di grandiose scene, di adrenalina a mille

The Divergent Series: Insurgent

The Divergent Series: Insurgent

Come molte pellicole che sono il seguito della precedente, si tratta di un film che manca di alcune basi per comprenderlo bene. In ogni caso non ha la potenza del primo della serie. Anche il produttore Douglas Wick lo conferma, “in Divergent abbiamo costruito un mondo e in Insurgent lo facciamo a pezzi”

Into the Woods

Into the Woods

Se si vuole godere di un simpatico fritto misto di molte tra le più famose favole del mondo, questo è il film giusto. Una fantastica Meryl Streep mattatrice di questa pellicola nella quale è una perfetta strega e una perfida carceriera della asettica e poco credibile Raperonzola

Ho ucciso Napoleone

Ho ucciso Napoleone

I presupposti, le idee alla base erano buone, molto buone. Il concept fondato sulla proposta di una commedia nuova, diversa, moderna, sui temi trattati, sui personaggi, erano più che promettenti. La sensazione che si percepisce al termine del film è quella di un’occasione persa

onderoad-locandina

1975-2015: 40 anni di radio libere in “Onde Road”

In occasione del quarantennale, esce nelle sale con Distribuzione Indipendente il film documentario “ONDE ROAD” di Massimo Ivan Falsetta, interpretato, tra gli altri, da Federico l’Olandese Volante, Awanagana, Fabrice Quagliotti dei Rockets (che firmano anche l’incalzante colonna sonora), Battaglia & Miseferi. Guarda il Trailer!

La famiglia Bélier

La famiglia Bélier

Sette milioni di spettatori in Francia, un gran bel successo, per “La famiglia Bélier” del regista Eric Lartigau, una commedia che approccia la condizione dei sordomuti con intelligenza ed ironia

home_sq1900_s88_f122_4k_ps_v2_0_jpg_1400x0_crop_upscale_q85

Home – A casa

Dopo aver diretto “Z la formica”, primo lungometraggio animato della DreamWorks, Tim Johnson torna a sedersi in cabina di regia per firmare “Home – A casa”, fluorescente e spumeggiante adattamento cinematografico del libro “The true meaning of smeakday” di Adam Rex

verginegiurata

Vergine giurata

Laura Bispuri segna il suo esordio nel lungometraggio cercando ispirazione nel libro di Elvira Dones per raccontare una figura particolare, e forse insolita, quella della vergine giurata. Una vergine giurata è una donna che per avere gli stessi diritti degli uomini, e per non diventare quindi moglie e serva, si appella alle regole del Kanun, giura eterna verginità in cambio della libertà accordata solo ai patriarca e, di fatto, si veste ed è trattata come fosse un uomo

coming home

Lettere di uno sconosciuto

Dopo i recenti cinetici e spettacolari wuxia (“Hero”, “La foresta dei pugnali volanti”), l’autore della Quinta Generazione di registi cinesi Zhang Yimou torna sui racconti popolari con “Coming Home”

5030807

Una nuova amica

François Ozon torna con un film in cui indaga le identità di genere, schierandosi apertamente con la fazione che perora la causa dell’ampliamento dell’istituzione familiare, toccando quindi un tema che proprio in questi giorni è tornato alla ribalta nelle cronache

suite-fra

Suite Francese

Di certo, Suite Francese non è “la più grande storia d’amore mai raccontata”, ma è senz’altro una travolgente riscoperta dell’amore in senso lato: quello tra un uomo e una donna, tra un civile e la sua terra, ma soprattutto l’amore di se stessi, al di là di qualsiasi identità imposta e comandata

cloro_jpg_1400x0_crop_upscale_q85

Cloro

Applaudito all’ultima edizione del Sundance e alla 65. Berlinale (sezione Generation), “Cloro” esce oggi in sala distribuito da Good Films. Nel complesso “Cloro” è un buon esordio, che fa sperare in altre opere su tematiche sempre più importanti nella nuova cinematografia italiana

Design by Daniele Imperiali
^ Back to Top