IN SALA

Grand Budapest Hotel

the grand budapest hotel

Anderson costruisce ancora una volta un nuovo mondo da abitare, un luogo fantastico fatto di magnificenza e decadenza dove si raccontano le avventure del leggendario concierge Gustave H (Fiennes) e del suo fidato Lobby Boy.

Un matrimonio da favola

un-matrimonio-da-favola

Parte da un soggetto poco originale “Un matrimonio da favola”, la nuova commedia dei fratelli Vanzina scritta in collaborazione con Edoardo Falcone e prodotta da Fulvio e Federica Lucisano

Noah

noah

Se da una parte la pellicola è in grado di regalare momenti cinematografici profondi soprattutto in virtù del rapporto tra Noè e sua moglie che ha il volto di un’eccellente Jennifer Connely, dall’altra il film perde di spessore paradossalmente proprio per colpa di un montaggio frettoloso e dell’eccessivo uso della computer graphica

Piccola patria

piccola-patria

“Piccola patria” è un buon tentativo, tra l’altro inconsapevolmente attuale, di sondare un’aggregazione culturale in cui, a distanza di 150 anni dall’unità, serpeggia una tensione separatista

In grazia di Dio

in-grazia-di-dio

Ritorna Edoardo Winspeare (Sangue vivo, Il miracolo) e firma quella che molti hanno già definito la sua pellicola più riuscita, “In Grazia di Dio”, specchio delle idee e dello stile del regista pugliese, che con un tocco asciutto e naturalistico, ma anche denso di realismo ed emozioni autentiche, riesce a dipingere un affresco quotidiano delle difficoltà e della lotta per la sopravvivenza di una famiglia salentina nel momento più grave della crisi

Divergent

divergent

“Divergent” è il primo capitolo dell’omonima trilogia creata dalla scrittrice americana Veronica Roth. Il libro, pubblicato in America nel 2011 e uscito in Italia per la De Agostini il 22 marzo 2012 è diventato bestseller vendendo più di un milione di copie. Il film a una prima lettura risulta un po’ banale, almeno per chi pratica la fantasy e la fantascienza, ma in realtà ha un quid, che lo rende fuori dalle righe

Ti ricordi di me?

ti-ricordi-di-me?

“Ti ricordi di me?”, opera seconda di Rolando Ravello, è una commedia romantica vera, non quindi una commedia popolare italiana, fatta di farsa e molte corna, ma un racconto gentile che non sfigura di fronte a film francesi o americani

Gigolò per caso

Gigolò per caso

Al nome John Turturro riaffiorano alla mente i personaggi più stravaganti e fuori dalle righe del cinema contemporaneo. Ma godendo della visione del suo ultimo lavoro “Gigolò per caso”, che lo vede sia in veste di attore che dietro la mdp, sembra che la rotta sia cambiata e che si sia avvicinato molto di più alla realtà

Nymph()maniac Vol I

the-nymphomaniac

Il battage pubblicitario che gridava al porno d’autore ha avuto la sua smentita. A dispetto di critiche e pregiudizi, ‘l’ospite non gradito a Cannes’ insiste sul (non) sentire di una donna con ironia e dialoghi sagaci e, almeno nei primi 145’, non si appiattisce nell’esibizionismo porno-erotico-masturbante del sesso smanioso

Cuccioli – Il paese del vento

cuccioli-il-paese-del-vento

Tra film per bambini che puntano allo spettatore passivo e al merchandising, i fratelli manfio cercano anche di diffondere un senso morale ed ecologico nello spettatore. Non è questione da poco.

La memoria degli ultimi

La memoria degli ultimi

Consigliatissima la visione a chi ami o voglia provare l’esperienza di ascoltare la storia raccontata dai suoi protagonisti e scoprire caratteri umani di straordinaria vitalità. Tra i partigiani intervistati vi sono uomini e donne, di diversa formazione culturale ed estrazione sociale, unite dalle scelte operate in gioventù e dalla voglia di resistere finché la vita glielo consentirà

Amici come noi

Amici come noi

Un cocktail innocuo, che chiaramente non è grande commedia e nemmeno è capace di squassare il mondo della comicità, per quanto para-televisiva, ma che ha una sua genuinità

Father and Son

Il regista di “Nobody Knows”, Kore-Eda Hirokazu, torna sul grande schermo con un film che pone una domanda tanto chiara nella formulazione quanto difficile nella risposta: quando un padre diventa tale?”Father and Son” è uno sguardo insolito e accurato sulla paternità

Storia di una ladra di libri

Storia di una ladra di libri

Tratto dall’omonimo romanzo di Markus Zusak, “Storia di una ladra di libri” è un racconto di formazione ambientato nella Germania nazista. Diretto da Brian Percival, il lungometraggio, con toni forse fin troppo didascalici e classicheggianti, rimane ben connesso con il soggetto del romanzo: il risultato è un lavoro che è in grado sia di intrattenere che di portare lo spettatore a riflettere

Yves Saint Laurent

yves-saint-laurent

Quello che vedremo al cinema da domani, 27 marzo, è un biopic intenso ed elegante sullo stilista di origine algerina, morto sei anni fa, ma che ha lasciato dietro di sé un modo di intendere l’alta moda rivoluzionario per l’epoca in cui la maison Saint Laurent muoveva i suoi primi passi

Captain America – The winter soldier

captain-america-the-winter-soldier

Capitan America trasportato nell’epoca contemporanea convince e, anche se lo fa perché non è solo, c’è nel suo personaggio una crescita interessante, un’umanizzazione funzionale anche se poco accennata per dare il giusto spazio alle lotte dove il protagonista è il suo scudo maneggiato con una destrezza spettacolare

Lovelace

Lovelace

Epstein e Friedman, in virtù della loro precisione documentaristica, ci propongo un’opera formalmente semplice, che tuttavia rende bene le atmosfere della cosiddetta Golden Age del genere Hardcore, raccontandone gli anni gaudenti, i quali iniziano proprio con l’uscita di “Gola Profonda” nel 1972

47 Ronin

47-ronin

“47 Ronin” è un film sbagliato e zoppicante, che troverà qualche estimatore ma che commette il peccato mortale di non saper cogliere il senso degli elementi che va a mescolare, rimanendo così un’operazione biecamente industriale che però ha fallito anche il suo grado primario: ossia fare soldi.

Non buttiamoci giù

non-buttiamoci-giu-imogen-poots-in-una-scena-con-pierce-brosnan-toni-collette-e-aaron-paul-298201

Nick Hornby colpisce ancora. Il film è l’adattamento del suo omonimo bestseller ed i tratti distintivi del prolifico autore ci sono tutti. Per rendere la storia unica e più cinematografica, però, l’autore ha messo in moto una serie di eventi che, purtroppo, fanno scadere molto spesso il film nella farsa

Jimmy P.

Jimmy Picard (Benicio Del Toro), il protagonista che dà il titolo al film, è un nativo americano, un Indiano delle Pianure appartenente alla tribù dei Blackfoot di ritorno dalla Seconda Guerra Mondiale, affetto da alcuni sintomi inspiegabili quali perdita momentanea della vista e dell’udito e vertigini, erroneamente diagnosticato come un caso di schizofrenia.

La mossa del pinguino

la-mossa-del-pinguino

All’Amendola regista non si chiedeva un’avventura produttiva o di rischiare filmicamente, perché il suo pubblico fa bene a tenerselo stretto, ma semplicemente di usare meglio, di cucinare con più cura e attenzione gli ingredienti scelti

Quando c’era Berlinguer

Quando c'era Berlinguer

Film documentario diretto da Walter Veltroni, “Quando c’era Berlinguer” ripercorre le tappe della vita personale e politica di Enrico Berlinguer , Segretario del PCI dal 1972 al 1984, attraverso i racconti di chi ha vissuto in prima persona la storia politica dell’Italia

La luna su Torino

“Dietro un paesaggio c’è sempre un altro paesaggio, lo si percepisce dalla vaghezza e dalla indefinitezza dei fatti immaginativi”: questo splendido adagio leopardiano accompagna alcune sequenze del nuovo film di Davide Ferrario, “La luna su Torino”, e la sensazione immediata è quella di trovarsi davanti a un’opera ambiziosa

Lei

Il cinema è una macchina senza tempo che permette a chi sa manovrarla di raccontare storie talmente intense da modificare il pensiero di chi le osserva. Questo è il caso di “Lei”, il nuovo film di quel brillante Spike Jonze

Un ragionevole dubbio

un-ragionevole-dubbio

Un film per il quale non è bene fermarsi alle apparenze, che potrebbero sembrare deludenti, e che va letto più come una commedia d’introspezione, che come un thriller

Need for Speed

need-for-speed

L’obiettivo è il pubblico di “Fast & Furious”, inutile negarlo. Anche se “Need for Speed” è la versione cinematografica di uno dei più celebri videogiochi di sempre, corsa contro il tempo su automobili truccate guidate in soggettiva, allo spettatore sembrerà una versione più seria e matura della serie con Vin Diesel

Mr. Peabody e Sherman

mr-peabody-e-sherman

Adattamento cinematografico della serie animata per la tv “Rocky and His Friends” e “The Bullwinkle Show” dei primi anni ‘60 , “Mr. Peabody e Sherman” è un film d’animazione in 3D dedicato a tutta la famiglia

La Deutsche Vita (Berlino)

La Deutsche Vita

“La Deutsche Vita” non è solo un film per italiani. È un film su Berlino, una città come una storia d’amore bella e complicata, che chiunque abbia deciso di viverci conosce

Il superstite

Il supestite

“Il superstite” è un dramma intimo e personale venato di nero e thriller che il regista compone in modo libero e composito. Wright si dimostra abile nel condurre il racconto e nel circondare lo spettatore della sua atmosfera, costruita attraverso un dispendio stilistico e tecnico adeguato, efficace e che dimostra un certo polso

Allacciate le cinture

allacciate-le-cinture

Da sempre tessitore degli animi dei suoi personaggi, Ferzan Ozpetek fa un bilancio degli anni che passano e di come il tempo da un giorno a un altro ti lasci perplesso di fronte alla tua immagine riflessa allo specchio. E’ il momento di tirare le somme, e raccontare una storia dove ogni spettatore possa trovare un po’ di sé e del suo vissuto

300 – L’alba di un impero

300-rise-of-an-empire

Quanti litri di sangue può umanamente contenere il corpo di un greco e/o di un persiano? Certo più dei 5 che ogni essere umano ha in sé: questa è la prima, futile, domanda che viene da porsi alla fine della visione di “300 – L’alba di un impero”, attesissimo sequel di “300″, capolavoro di guerra e testosterone diretto nel 2007 da Zack Snyder

Tarzan

tarzan

Nonostante gli ottimi intenti e la buona esecuzione, il tentativo di riportare in auge la figura di Tarzan, a 15 anni dal cartone animato del colosso Disney, non sembra essere andata a buon fine o, comunque, non ha di certo modernizzato e aggiunto qualcosa al già detto tante, troppe volte

I Fantasmi di San Berillo

I fantasmi di San Berillo

E’ in programma fino a stasera al Nuovo Cinema L’Aquila di Roma il documentario del siciliano Edoardo Morabito su San Berillo, lo storico quartiere di Catania sventrato nel 1956 per un’opera di risanamento dagli esiti spettrali

EU 013, l’Ultima Frontiera

EU 013 - L'ultima frontiera

Con l’autorizzazione del Ministero dell’Interno, Raffaella Cosentino e il reporter documentarista Alessio Genovesi entrano nei Centri di identificazione ed espulsione (C.i.e.) di Ponte Galeria a Roma, di Bari e di Trapani, svelando la grave inadeguatezza legislativa che regola il funzionamento delle frontiere all’interno dell’area Schengen

Tir

“Tir” pur avendo un evidente taglio documentaristico ha un’architettura narrativa da opera cinematografica, con inquadrature studiate (notevoli quelle costruite con il gioco di specchi riflessi) e dialoghi elaborati.

Snowpiercer

snowpiercer

Uno dei film di fantascienza più inventivi degli ultimi anni, dove sono ben evidenti i compromessi narrativi (i dialoghi didascalici, il manicheismo dei personaggi, una progressione narrativa scontata) e le scelte autoriali (il grottesco ai limiti dell’assurdo, il rito sacrificale legato al corpo, una visione nerissima della società), per un risultato sbilanciato ma che sorprende

Il violinista del diavolo

il-violinista-del-diavolo-

Attraverso la vita di Niccolò Paganini, il regista inglese Bernard Rose si addentra nei meandri della creatività dirompente e stimola riflessioni su quanto possa essere difficoltoso per l’artista riuscire a gestire il proprio talento e il successo che da esso gli deriva

Pompei

Pompei 2014

Il film, diretto da Paul W. S. Anderson, ci conquista come potrebbe farlo un grande affresco in movimento di persone e luoghi. I personaggi di fantasia si giustappongono a quelli storici nella vicenda nota. Immagini spesso multiple e contemporanee che si dilatano nello spazio con un dinamismo eccezionale

Saving Mr. Banks

saving-mr-banks

Si comincia a Maryborough, in Australia, nel 1906, ma ci si sposta quasi immediatamente nella Londra di cinquantacinque anni dopo, quando Walt Disney invitò P.L. Travers, autrice del libro Mary Poppins, nel suo studio di Los Angeles. Con Tom Hanks e Emma Thompson

The monuments men

Troppo farsesco in alcuni punti, il film sembra rimanere sempre sul superficiale, non aiutato in questo da musiche fastidiose che combinano abusato patriottismo e banalità senza fine. E’ un vero peccato che una pellicola dalle premesse avvincenti, e con un cast da Oscar, si traduca in un’avventura poco riuscita e molto “mainstream”.

Publisher: Vincenzo Patanè Garsia | Ufficio stampa: Valentina Calabrese | Concept designer: Gianna Caratelli | Webmaster: Creazioni Web