24° Sguardi Altrove Film Festival: programma 16 marzo

Taxidrivers_Sguardi Altrove_The forest for the trees

XXIV° Sguardi Altrove Film Festival

Womens Empowerment: Working to Overcome Gender Inequality

Giovedì 16  marzo

Spazio Oberdan, Cinema Arcobaleno

Il percorso verso l’età adulta in Little Wing  di Selma Vilhunen

Anteprima italiana di The forest for the trees di Maren Ade

La squadra di rugby del carcere di Bologna ne La Prima Meta

 

Nuovo appuntamento con la 24°edizione di Sguardi Altrove International Film Festival, la rassegna dedicata al cinema e ai linguaggi artistici al femminilegiovedì 16 marzo.

Allo Spazio Oberdan a partire dalle 15.00 si apre all’interno di #FrameItalia la finestra dedicata alle scuole di cinema. In programma tre film di giovanissimi cineasti: I giganti della montagna di Silvia BerrettaSotterranea, viaggio in tre atti nel ventre di Milano di Chiara CamparaMatteo NinniCarlo Tartivita e, in anteprima mondialeThe good intentionsdi Beatrice Segolini.

Segue alle 17.45 un nuovo appuntamento con la Retrospettiva dedicata alla cineasta di punta del cinema tedesco contemporaneoMaren Ade con il pluripremiato Vi presento Toni Erdmann (2016), la commedia candidata agli Academy Awards 2017 e vincitrice di 5 Oscar europei, che descrive con delicatezza, grazia e ironia il rapporto difficile tra un padre e la figlia.

Per la sezione competitiva Nuovi Sguardi arriva alle 20.15 Little Wing  di Selma Vilhunen. Il film, premiato con la Camera d’oro della miglior opera prima o seconda alla Festa di Roma, racconta la storia di una ragazzina di 12 anni in rapida crescita verso l’età adulta, che si mette alla ricerca del padre che non ha mai incontrato.

Alle 22.15 si conclude la Retrospettiva Maren Ade con l’anteprima italiana di The forest for the trees (2003), film d’esordio sull’alienazione e l’incapacità di adattamento e vincitore del Premio della Giuria al Sundance 2003.

Sempre allo Spazio Oberdan,  dalle 10.00 alle 13.00 le proiezioni saranno precedute dalla matinee per le scuole Cinema e formazione dalla parte dei giovani.

Anche al Cinema Arcobaleno il pomeriggio si apre con #FrameItalia. Alle 15.00 in anteprima mondiale arriva Uscirai Sanodi Barbara Rosanò Valentina Pellegrino che racconta attraverso gli occhi del protagonista Angelo i cento anni dell’ospedale psichiatrico di Girifalco. Le registe saranno presenti in sala.

A partire dalle 16.45 arriva Sguardi (S)confinati [a cura di Paola Bernardi], la selezione internazionale di cortometraggi a regia femminile, che propone quest’anno una rosa di dieci film: il  corto animato, The Edge, della regista russa Alexandra Averyanova; il corto The Chop di Lewis Rose che racconta la convivenza tra culture e religioni differenti; Stella Amore di Cristina Puccinelli, una storia di speranza e disillusione con protagonista una bambina che sogna il grande schermo; Offline di Emanuela Mascherini, che affronta l’altra faccia della medaglia dei rapporti instaurati online; La Dada, in anteprima italiana è il tributo di Anka Schmidt all’artista dadaista Sophie Taeuber e al suo coraggio nel seguire i propri sogni; l’anteprima italiana di Dulce Rutina di Giada Ceotto, la storia di un’amicizia tra due anziane signore; l’anteprima italiana di Donde Caen Las Hojasdella regista spagnola Alicia AlbareDobro, il corto di produzione bosniaca della regista messicana Marta Hernaiz Pidal; uno sguardo alla mitologia e alla tradizione indiana, raccontata dalla giovane regista Maaria Sayed in Chudala; l’anteprima mondiale di Bright Lights di Maria Zabala.

A seguire, per #FrameItalia, l’anteprima mondiale di Appunti da Chinatown realizzato dagli studenti dal corso di Sceneggiatura e dal corso serale di Videogiornalismo della Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti di Milano.

A seguire, alle 19.30, sempre per #FrameItalia, Limina di Agnese Mattanò – che sarà presente in sala – docu-clip che nasce da una riflessione sul concetto di spazio realizzato insieme ai ragazzi dell’Istituto Penale Minorile “Siciliani” (Bologna) e La Prima Meta di Enza Negroni – sarà presente in sala – documentario  su Giallo Dozza, la squadra di rugby della Casa Circondariale Dozza di Bologna, ammessa a competere nel campionato ufficiale di serie C2.

Ultimo appuntamento della serata alle 21.30, ancora per #FrameItalia, Il Rumore della Vittoria  di Ilaria Galbusera eAntonino Guzzardi, il film racconta la storia di sei ragazzi non udenti giocatori di rugby e pallavolo che vogliono arrivare al loro sogno: indossare la maglia azzurra. I registi saranno presenti in sala.



Condividi

Design by Daniele Imperiali