Il giorno più corto | Italian Short Film Day 2016

Short Film Day

Il giorno più corto – ITALIAN Short Film Day 2016

 a cura del Centro Nazionale del Cortometraggio

21 dicembre 2016

Il 21 dicembre è, nell’emisfero boreale, il giorno più corto dell’anno e, come tale, il giorno in cui in tutto il mondo vengono celebrati i cortometraggi. Lo Short Film Day è un’iniziativa, nata in Francia nel 2011 dal Centre National de la Cinématographie et de l’Image Animée, che si è diffusa rapidamente in tutta Europa e arriva oggi a contagiare più di cinquanta Paesi nel mondo. L’idea è di offrire una finestra sul mondo del cortometraggio al pubblico generalista, rendere, per un giorno, il cortometraggio protagonista del cinema.

In occasione dello Short Film Day 2016, il Centro Nazionale del Cortometraggio ha realizzato un programma di cortometraggi italiani contemporanei che verrà proiettato in 5 città italiane e, grazie alla rete degli Istituti Italiani di Cultura, in 13 città nel resto del mondo, da Lisbona a Shanghai, da Sao Paulo ad Addis Abeba.

Anche quest’anno, l’Italian Short Film Day è l’occasione per scoprire opere e talenti italiani provenienti dal mondo del corto, scelti tra i film che più hanno avuto successo negli ultimi mesi.

I titoli in programma:

Bellissima, di Alessandro Capitani, 2015, 12’ – David di Donatello 2016

Veronica ha venti anni ed è imprigionata in un enorme corpo obeso. Durante una festa in discoteca subisce lo scherno di un ragazzo, che la prende in giro proprio per il suo aspetto fisico. Disperata, Veronica si nasconde nei bagni della discoteca convinta che fra le mura chiuse di quel posto nessuno possa vederla e giudicarla. Il destino però ha in serbo una piacevole sorpresa per lei…

Ossa, di Dario Imbrogno, 2016, 4’ – in concorso a Palm Springs Short Film Festival 2016

“…il fatto stesso che una marionetta debba faticare per quella vita, data per scontata nel mondo esterno, mostra a noi spettatori l’intrinseca fragilitè della vita stessa, la sua preziosa provvisorietà” Adrian Kohler

Good News, di Giovanni Fumu, 2016, 17’ – in concorso a Venezia 73 – Orizzonti

Periferia di Seul, primo pomeriggio. Nascosti in un logoro motel a ore, Minhui e Junho, una coppia di adolescenti, devono affrontare un’importante decisione che potrebbe cambiare la loro vita per sempre.

Pandemonio, di Valerio Spinelli, 2015, 3’

Pandemonio è un caleidoscopio di mostri, animali e strane creature prendendo vita insieme al ritmo primitivo e frenetico della musica di Zu.

Quasi eroi, di Giovanni Piperno, 2015, 20’ – Nastro d’argento al miglior corto 2016

Christian ha 21 anni e Valentina 17. Stanno insieme, ma lui è disoccupato e il padre di lei

non lo vede di buon occhio. Quando Valentina scopre di essere incinta, non rimane che

sposarsi “prima che si veda la pancia”.

Bagni, di Laura Luchetti, 2015, 8′

La custode dei bagni Lea. Donna bisbetica ma generosa dal sedere semovibile molto cubano. Una donna sognatrice.

Lutra, di Davide Merello, 2016, 4’

Un uomo vittima della propria routine e prigioniero nella sua villa di lusso, non vede neppure il bosco che la circonda. Ma proprio quella casa gli offrirà il modo per riavvicinarsi alla natura.

Il miracolo, di Fabio Mollo, Serena Aragona, Honglei Bao, Fabrizio Benvenuto, Luca Cenname, Michele Leonardi, Alberto Mangiapane, Domenico Modafferi, Alain Parroni, Mariagiovanna Postorino, Mario Vitale, 2015, 16’

Assuntina vive a Reggio Calabria insieme a Luisella, una gallina che da qualche tempo non depone più uova. La donna è crucciata da una lite tra i suoi due figli, Domenico e Nicola. Prova ogni giorno a riconciliare gli animi, prega e si adopera per convincere i due a tornare uniti e in pace. Nonostante i suoi sforzi, sembra non esserci modo di sistemare le cose. Fino a quando Assuntina trova per strada un’ostia. Sebbene ne sia felice e spaventata allo stesso tempo, potrebbe trattarsi proprio del miracolo che stava aspettando, dell’indicazione giusta per la strada da percorrere.


Italian Short Film Center

ufficiostampa@centrodelcorto.it

www.centrodelcorto.it



Condividi

Design by Daniele Imperiali