I documentari Human planet in dvd per Dall’Angelo

Oceani, deserti, praterie, giungle, montagne, fiumi, aree urbane e anche zone artiche. Sono i grandi protagonisti di Human planet, famosa serie di documentari sui segreti della natura che, realizzata dal canale televisivo britannico BBC in collaborazione con Discovery Channel e BBC Worldwide, vuole essere un’epica celebrazione del sorprendente rapporto tra l’uomo e la natura che lo circonda.

Perché gli uomini rappresentano l’ultima specie animale, quella che ha avuto maggior successo sul pianeta e che, dai ghiacciai polari alle umide foreste pluviali, dalle piccole isole nei vasti oceani agli aridi deserti, ha sempre trovato significativi modi per adattarsi a sopravvivere nei posti più inimmaginabili.

Ed è in otto episodi della durata di cinquanta minuti ciascuno che si articola la serie, che – realizzata in tre anni con settanta location in tutto il mondo e utilizzando le più sofisticate tecniche di ripresa in alta definizione – approda in dvd e blu-ray per Dall’Angelo pictures, dopo aver fatto registrare ascolti record sia sulla piattaforma Mediaset Premium che su RaiUno, nel programma SuperQuark.

Un imperdibile cofanetto da collezione costituito da tre dischi volti ad analizzare attraverso ogni puntata un diverso habitat terrestre; intrecciando storie mai raccontate prima e riuscendo, tramite le affascinanti immagini, ad appassionare un pubblico ampio e diversificato all’indissolubile legame tra uomo e natura.

Del resto, con un’ora e venti circa di backstage inediti quali contenuti speciali, è a spettatori di tutte le età – che si tratti di amanti della natura o, semplicemente, di persone incuriosite dalle bellezze terrestri – che si rivolgono i circa quattrocento affascinanti minuti di visione.

Destinati, oltretutto, a essere seguiti dal cofanetto home video contenente la serie completa di Frozen planet, dedicata ad Artide ed Antartide ed annunciata da Dall’Angelo per la fine del 2012.

L’avventura è appena cominciata!

Francesco Lomuscio

Commenta:

Design by Danile Imperiali