Rabbit Hole

nicole-kidman-e-aaron-eckhart-in-una-scena-del-film-rabbit-hole-diretto-da-john-cameron-mitchell-130754

Rappresentare sul grande schermo il dolore più profondo che si possa immaginare, la perdita di un figlio, non è certo impresa facile. Fra i cineasti che di recente ci hanno provato, con struggimento ed originalità, ricordiamo Nanni Moretti con il film La stanza del figlio, vincitore – fra gli altri premi – della Palma d’Oro al Festival di Cannes 2001. Si cimenta nell’impresa anche il regista ed attore John Cameron Mitchell (autore del controverso Shortbus) con il complesso ed intenso Rabbit Hole, adattamento cinematografico dell’omonima pièce teatrale di David Lindsay-Abaire, vincitore, con quest’opera, del Premio Pulitzer per il Teatro.

Si respira da subito un’atmosfera rarefatta, oscura, all’interno della quale, a poco a poco, prendono forma le vite, i sentimenti e le storie dei protagonisti, i coniugi Corbett: Becca – una magistrale Nicole Kidman – ed Howie – un solido Aaron Eckart –  sono una coppia newyorkese apparentemente come tante altre, che nasconde in realtà il più gravoso dei lutti, la morte del figlio di quattro anni avvenuta in un incidente stradale mentre correva dietro al suo cagnolino.

Per gran parte del film non succede granché: il tempo si dilata e la cinepresa segue una Becca taciturna e distaccata dal mondo circostante, che tenta di riprendere a vivere tenendo a bada con fatica l’onda emotiva che la minaccia ad ogni ricordo, negli angoli un tempo gioiosi della casa, nell’incontro di altre mamme con bambini. Per sostenersi nella ripresa, Becca gioca tutte le sue carte: prova a riavvicinarsi alla famiglia d’origine (una madre petulante e logorroica, la grande Dianne Wiest, e una sorella un po’ spostata che rimane in cinta per sbaglio) poco incline al vero affetto e al supporto nelle avversità, ed accetta di partecipare ad un gruppo di auto-aiuto per l’insistenza del marito, salvo scappare quasi subito non trovandovi la necessaria sintonia.

Dal canto suo Howie cerca disperatamente di ritrovare forme concrete di normalizzazione, pensando ad un altro figlio e, per un attimo, immaginando di farsi consolare da un’altra donna. Nel suo vagare, Becca troverà consolazione soprattutto nell’incontro e nell’amicizia con Jason, il ragazzino amante dei fumetti (Rabbit Hole è infatti la graphic novel inventata da Jason sul tema degli universi paralleli, che affascina e cattura la fantasia di Betta) che, dopo aver investito accidentalmente il figlio dei Corbett, rimane sconvolto dal senso di colpa paralizzante per un evento tanto più grande di lui.

Il film procede in modo non-convenzionale, non cerca le lacrime, ma evidenza un universo alterato, un vuoto senza fine da riempire, quotidianamente, di gesti semplici e ripetitivi, che fanno andare avanti, ma che nonostante tutto non riescono a curare il male radicale dell’assenza. Vengono inoltre messi in luce certi piccoli dettagli delle esistenze reali (gli amici che spariscono dopo un lutto, le incomprensioni e le divergenze di coppia sul modo di affrontare le crisi, l’incapacità di reinserirsi nell’ambiente lavorativo) che scavano solchi di autenticità nelle profondità del mondo reale. Peccato che la Kidman, una delle attrici più belle e affascinanti del panorama cinematografico internazionale, abbia sentito  il bisogno di ritoccarsi il viso e le labbra (chi non cede allo star-system che vuole le donne per sempre giovani?):  la sofferenza di questa Alice in carne ed ossa, che cade in un luogo vorticoso ed oscuro dal quale solo con estrema fatica ritroverà la strada del ritorno, non sarebbe stata meno espressiva con qualche piccola ruga in più.

Elisabetta Colla

Esprimi il tuo giudizio:

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle

Commenta:

  • Lucilla

    La citazione letteraria di Alice, molto suggestiva, mi riporta davanti agli occhi la scena iniziale del film, dove la Kidman è in ginocchio sul prato, con le mani nella terra…

Design by Danile Imperiali